Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Commento prima prova scritta maturità 2012: l'analisi del testo

Montale  con questa nota, stringata e pungente, soffia con profonda intelligenza sui problemi dell'umanità di oggi che  vanno ben al di là di quelli quotidianamente pubblicati dai giornali a cinque colonne. Voglio dire che il Poeta mette tra parentesi ciò che attiene alla storia ( Muro di Berlino, Potenze atomiche, massacri umani ecc,) e sposta la sua attenzione  sul valore "Tempo" nella sua pregnanza  di valore assoluto, di durata e di categoria. Il tempo categoriale, alla Kant ed ai filiosofi del Novecento, come dimensione dello spirito, come riempimento  della vita nella sua essenza  fisica e metafisica. Insomma Montale va al di là  dei problemi contingenti che pur sono gravi ed urgenti, importanti e pesanti, per allungare lo sguardo  sul tempo-valore. Il tempo in cui l'uomo fa scendere il suo spirito e la sua natura intelleggibile per dare un significato alla sua esistenza sulla terra.  Una eticità ed una responsabilità quasi diretta e ineludubile. Molti sono i dissipatori del tempo oggi e ancor più saranno  se non agiamo e se non ci responsdabilizziamo in prima persona. La televisione è uno strumento certamente più adatto a dissipare il tempo che a riempierlo e valorizzarlo. Eppure spesso, in questa vita, sedersi e dimenticarsi davanti ad un programma televisivo torna anche giusto e disintossicante, perché molte altre forze ci ossessionano. Né sempre risolviamo la problematicità della nostra vita proponendoci di interagire, di problematizzare, di discuterne come parte attiva e interessata.
Il tempo, il tempo vero, quello dell'impegno e della consapevolezza, non va  lasciato scorrere sotto i nostri occhi, tra la nostra abulia e la nostra  indifferenza. Il tempo, secondo il Poeta, va  vissuto, assunto come lavoro, come voglia di fare, come conmsapevolezza di fare bene, come dimensione verticale della nostra esistenza. E' il tempo verticale, quello   che ci inchioda nella nostra responsabilità e nella consapevolezza  che noi siamo gli istruttori di noi stessi. Se dentro la storia, nella prassi giornaliera,  il tempo si consuma e ci consuma e nulla muta  perché non mutano le dimensioni della nostra mente e della nostra umanità, se lo stesso morire in questa prospettiva non ha più senso, se nella caterva dei "bisogni inutili" il nostro spirito si atrofizza piuttosto che  espandersi e liberarci, la ragione va ritrovata in una cultura mondiale massiva e corposa. Paradossalmente  la "castrazione " dei popoli  e delle masse  non ha niente a che vedere con l'inquietudine del futuro che viene sempre dopo e spesso impone le sue novità. Abbiamo, dice il poeta, bucato il mondo, abbiamo costruito il vuoto. Come uscirne? Intanto, mi sembra giusto, informando i giovani, facendo loro capire  che la civiltà dell'uomo, che è anche la loro civiltà futura, va pensava diversamente e che ci vogliono virtù e saggezza  per liberare l'umanità, afflitta e avviluppata da tantissime catene. Peccato che si tratti di una prova d esami e non di uno studio profondo e specifico, significante e prezioso per chi ancora la sua vita la deve vivere e il suo tempo lo deve " ammazzare". Un po' difficile per i giovani anche se è n problema dei giovani.

Prof. Carlo Pascale

Commenti

Commenta Commento prima prova scritta maturità 2012: l'analisi del testo.
Utilizza FaceBook.