Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Angela Ardizzone

Fisica alla Maturità 2017? Ecco perché

FISICA ALLA MATURITA' 2017? ECCO PERCHE'. Se l'anno scorso i maturandi del Liceo Scientifico sono stati con il fiato sospeso fino a febbraio, anche alla Maturità 2017 persisterà lo stesso dubbio: ci sarà Fisica alla seconda prova? Le decisioni del Miur riguardo alla somministrazione delle simulazioni prima di Matematica e poi di Fisica, il decreto reso noto riguardante il programma dettagliato da studiare per un eventuale secondo scritto di Fisica hanno messo la pulce nell'orecchio di studenti e professori. Tuttavia, le materie della seconda prova sono state rivelate a febbraio, ma di Fisica nessuna traccia: tutto fa pensare allora che farà capolino nella seconda prova del Liceo Scientifico di quest'anno, per cui assisteremo senz'altro ad un Esame di Stato ricco di novità, in quando si potrebbe interrompere la tradizione del tanto temuto compito di matematica. Sarà un bene o sarà un male? Questo dipenderà dalla preparazione di ciascuno: sicuramente sarà un salto nel buio (anche se abbiamo le simulazioni di Fisica dalla nostra), ma chi lo sa, magari una traccia di Fisica potrebbe essere più semplice della solita di Matematica. Purtroppo al momento possiamo solo fare supposizioni, in quanto avremo la certezza assoluta tra la fine di gennaio e febbraio, quando il Miur ci annuncerà le materie della seconda prova Maturità 2017 insieme alle materie assegnate ai Commissari esterni. 

Non perderti la maxi guida sull'Esame di Stato: Maturità 2017: tracce, date e commissari

SECONDA PROVA MATURITA' 2017: LA TRACCIA DI FISICA. In attesa di notizie certe rinfreschiamoci la memoria cercando di capire come potrebbe essere fatta la traccia di Fisica della Maturità 2017. Come dicevo, non abbiamo tracce ufficiali in quanto finora non è mai capitato un compito di Fisica all'Esame di Stato, tuttavia possiamo basarci sulle simulazioni somministrate negli ultimi anni e sui programmi ministeriali che abbiamo a disposizione. La traccia sarà costituita da due problemi corredati da alcuni quesiti a cui bisognerà rispondere. Occorrerà scegliere un solo problema con le relative domande e risolverle mettendo in pratica tutte le competenze e conoscenze acquisite nel corso degli anni scolastici. Bisognerà dunque essere in grado di formulare ipotesi, applicare strumenti matematici per risolvere il problema, elaborare dati e verificarli, saper descrivere tutti i procedimenti adottati per risolvere il problema. 
 

SECONDA PROVA DI FISICA: GLI ARGOMENTI DEL LICEO SCIENTIFICO CHE BISOGNA STUDIARE. Il documento emanato dal Miur lo scorso anno, oltre ad indicare in linee generali come dovrebbe essere strutturata la traccia e quali competenze dovrebbero possedere gli allievi, ha anche stilato un elenco dettagliato degli argomenti da studiare. Il programma di studio verterà dunque su induzione elettromagnetica, equazioni di Maxwell, la relatività, fisica quantistica e alcune nozioni di fisica moderna, anche se di quest'ultima il Ministero ha specificato che non sarà oggetto della seconda prova, ma ne ha solamente consigliato alcune lezioni di approfondimento.

Non perderti il calendario ufficiale dell'Esame di Stato: Maturità 2017: date

Leggi anche: Prove Invalsi alla Maturità: il punto della situazione

Se hai dubbi e vuoi ricevere maggiori informazioni iscriviti al gruppo Facebook: Maturità 2017: #esamenontitemo

Commenti

Commenta Fisica alla Maturità 2017? Ecco perché.
Utilizza FaceBook.