Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Angela Ardizzone

Il nuovo Esame di Maturità 2015

La scuola, nelle ultime settimane, è al centro dell'attenzione di tutto il Paese, in quanto il Governo ha deciso, con il piano La buona scuola, di dare priorità al mondo dell'istruzione, e così partire da qui per migliorare le condizioni dell'Italia. Tante novità dunque per quanto riguarda insegnanti e allievi, e non solo. Attraverso varie interviste rilasciate dal ministro Giannini inoltre, possiamo intuire che ci saranno cambiamenti anche per il nuovo Esame di Maturità 2015. Nel dossier presentato il 3 settembre non ci sono riferimenti al nuovo Esame di Maturità 2015, ma probabilmente tutte le novità annunciate dalla Giannini potrebbero trovarsi all'interno del decreto che sarà varato ad inizio 2015.

Cosa potrebbe cambiare dunque con il nuovo Esame di Maturità 2015? Ci saranno modifiche riguardo la prima prova, la seconda prova, la terza prova, il colloquio orale, tesina, sarà aggiunta una quarta prova (Invalsi) o una materia in inglese secondo la metodologia Clil? Raccogliamo allora tutte le informazioni trapelate dalle interviste rilasciate dal ministro, e proviamo a fare una descrizione di quello che potrebbe essere il nuovo Esame di Maturità 2015.

Riformulazione e semplificazione delle prove

Tutte le prove di Maturità dovranno essere riformulate, ma in modo graduale, così che gli studenti non abbiamo un impatto traumatico con le novità. Queste dovranno essere in linea con i nuovi indirizzi di studio introdotti dall'ex ministro Gelmini. Inoltre, le prove verranno semplificate, in modo da adeguarsi e stare al passo con gli altri Paesi europei. 

Una nuova Tesina di Maturità

Secondo il ministro Giannini, la Tesina di Maturità dovrà avere una nuova forma. La Tesina ha assunto, negli ultimi anni, la forma di un elaborato freddo e impersonale: centinaia sono le Tesine copiate dal web e identiche, tante contengono informazioni scopiazzate qua e là, talvolta senza un nesso logico e senza traccia del pensiero dello studente. La nuova Tesina sarà sempre in linea con i nuovi indirizzi di studio, e probabilmente prenderà la forma di un elaborato sintetico di tutto un anno scolastico, teorico per i licei, pratico per gli istituti tecnici.

Modifiche alla prima prova di Maturità

La prima prova di Maturità attuale non va bene per tutti gli indirizzi scolastici: la maggior parte delle tipologie di prima prova favorisce gli studenti dei licei. In particolare, si pensa di eliminare la Tipologia A, ovvero l'analisi del testo, colpevole di non essere adatta agli studenti degli istituti tecnici e professionali. Il tema di storia (Tipologia C) probabilmente sarà oggetto di modifiche, in quanto anche esso non è adatto a tutte le scuole. Si darà più spazio alla Tipologia B (saggio breve) e alla Tipologia D (tema generale), adatte a tutti gli studenti. 

Seconda prova di Maturità

Il ministro non si è ancora espresso sulla seconda prova di Maturità, ma probabilmente anche questa sarà oggetto di lievi modifiche.

Terza Prova di Maturità

La Terza Prova è quella più discussa: si è parlato di una sua possibile eliminazione e sostituzione con la prova Invalsi, ma il Miur ha rassicurato tutti che questo non succederà. Si è parlato poi dell'introduzione, nel corso dell'ultimo anno scolastico, di una materia impartita in lingua straniera (Clil), per cui è possibile che alcune domande della terza prova saranno formulate in inglese o in un'altra lingua.

Possibile quarta prova di Maturità?

Si è tanto parlato dell'introduzione di una quarta prova, probabilmente il Test Invalsi, non solo con lo scopo di valutare la preparazione degli studenti a fini statistici, ma come vera e propria prova con tanto di voto che fa media. Il Miur però, anche in questo caso, rassicura tutti: non ci sarà nessun test invalsi agli esami di Maturità.

Clil agli esami di Maturità

Al quinto superiore si aggiungerà lo studio di una materia in lingua straniera, con l'introduzione del metodo Clil (Content and Language Integrated Learning). Un metodo sperimentato già in diversi Paesi, e introdotto nei licei linguistici italiani nel 2012. Secondo il Clil, alcune ore di una materia a scelta verranno impartite in inglese o in un'altra lingua. Di conseguenza, le interrogazioni si svolgeranno in un'altra lingua, ed è possile che ciò coinvolgerà anche la Terza Prova e il Colloquio orale. 

Il colloquio orale

Tra nuova Tesina e metodo Clil anche il colloquio orale potrebbe cambiare forma. Ci sarà la discussione di una tesina più personale e più attinente a ciò che si è svolto nel corso dell'anno, ed una materia sarà interrogata in lingua inglese.

Commissari interni o esterni?

Secondo le ultime parole della Giannini, non ci saranno più commissari esterni, ma la commissione d'esame darà composta unicamente da docenti interni. L'unico docente esterno probabilmente sarà il Presidente di Commissione.

Apprendistato considerato nel voto di Maturità

In linea con i principi de La buona scuola, secondo cui ci dovrà essere un collegamento più saldo tra scuola e lavoro, gli allievi degli istituti tecnici e professionali del quarto e quinto anno affronteranno un apprendistato in un'azienda. Il periodo di apprendistato sarà valutato ai fini del voto d'esame finale; inoltre, la terza prova dovrà tener conto di questo percorso sperimentale intrapreso dagli studenti.

Date Maturità 2015

Infine, non dimentichiamo quando si svolgeranno le prove di Maturità 2015! Il 17 giugno si partirà con la prima prova, il 18 giugno si proseguirà con la seconda prova, ed infine il 22 giugno ci sarà la terza prova. 

Commenti

Commenta Il nuovo Esame di Maturità 2015.
Utilizza FaceBook.