Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Maturità: guida alla composizione del saggio breve

Il saggio breve si configura come testo di tipo argomentativo e informativo ed è una delle tipologie presenti alla prima prova di maturità: l’autore affronta una particolare questione, dapprima presentandola in modo completo, poi esprimendo una tesi a riguardo, argomentandola a dovere. Per ovvie ragioni, il saggio breve non deve superare i limiti d’ampiezza imposti dalla prova di esame o dalle varie simulazioni.

Dopo aver letto attentamente la consegna (l’insieme di tutte le prescrizioni) del saggio breve (Tipologia B) è opportuno passare all’organizzazione delle fasi di lavoro.
Bisogna prestare particolare attenzione al tempo a disposizione e la lunghezza massima dell’elaborato.

I fase: lettura e bozza del saggio breve

• Lettura e analisi dell’argomento da trattare; in alcuni casi, laddove specificato, al candidato è consentito selezionare il tema tra quelli proposti

• Lettura e analisi della documentazione fornita insieme alla consegna: è fondamentale avere una buona conoscenza della questione per affrontare la traccia in modo coerente e completo

• Scelta della destinazione del testo, in base alle sue finalità (descrivere un fatto o un fenomeno e dimostrare o smentire una o più tesi a riguardo)

• Scelta del registro linguistico adeguato (formale = colto, burocratico, informativo; informale = colloquiale) a seconda del destinatario. Generalmente, in una prova d’esame, è richiesto un registro linguistico ‘colto’ o ‘informativo’

• Prima elaborazione di una o più tesi e scelta delle informazioni utili allo sviluppo della tesi (ricavabili dai documenti di supporto)

• Prima stesura della ‘scaletta’
 

II Fase: stesura del saggio breve

• Stesura dello svolgimento del saggio breve, evidenziando tesi e antitesi

• Stesura dell’introduzione, presentando in breve il corpo del testo, costituito dallo svolgimento

• Stesura della conclusione, riassumendo i dati più significativi dell’intero elaborato

• Scelta del titolo da assegnare al testo complessivo


III Fase: rifinitura dell'elaborato

• Rilettura e correzione dell’elaborato

• Stesura della copia da consegnare, con opportuni accorgimenti grafici

• Rilettura definitiva


Caratteristiche del saggio breve

- Individuare all’inizio il nocciolo del problema, intorno al quale organizzare tutte le informazioni

- Rigore espositivo e argomentativo: cercare di convincere il destinatario con argomentazioni coerenti, ben organizzate secondo i principi di evidenza e razionalità, facendo attenzione ai rapporti di causa-effetto. Spesso è bene ricorrere, in modo sintetico, all’esemplificazione e al confronto tra dati diversi tra loro, per arricchire l’elaborato

- Coesione testuale mediante l’uso di connettivi, fondamentali nei passaggi logici da un’argomentazione all’altra


Seguici per arrivare alla grande alla Maturità, ci trovi anche su Twitter e Facebook.
 


Foto: cultura.blogsfere.it

Commenti

Commenta Maturità: guida alla composizione del saggio breve.
Utilizza FaceBook.