Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Angela Ardizzone

Prima prova maturità 2016: 7 segreti per il perfetto svolgimento

PRIMA PROVA MATURITA' 2016: 7 SEGRETI PER IL PERFETTO SVOLGIMENTO. La prima prova maturità 2016 sta ormai bussando alla porta della cameretta di ciascun maturando, ed è impossibile ormai rifiutare la visita di questo ospite: il 22 giugno è arrivato e bisogna affrontare con tutta la buona volonta le tracce del primo scritto dell'Esame di Stato. A proposito: quale traccia sceglierete? Analisi del testo, saggo breve, articolo di giornale, tema storico o tema di attualità? C'è chi ha ancora dubbi e chi invece ha le idee chiare già da molto tempo. In ogni caso, fare una prova perfetta è molto difficile, ma non se si conoscono alcuni "segreti del mestiere". Vediamo allora quali sono le tattiche da adottare se si vuole fare una prova perfetta e prendere un bel 15!
La prima prova ti spaventa? Tieni d'occhio il nostro articolo:
Tracce svolte prima prova maturità 2016


MATURITA' 2016, PRIMA PROVA: COME FARE UN COMPITO PERFETTO. Siete allora intenzionati a prendere il massimo alla prima prova? E allora aprite bene le orecchie e scoprite come fare: 

1. Valutare bene tipologia di traccia e argomento. Per prima cosa ricordate che avete 6 ore, per cui avete tutto il tempo per scegliere con calma la traccia più adatta a voi. Leggete tutto, anche un paio di volte, e dopo aver riflettuto bene decidete quale traccia è più adatta a voi. Decidete anche in base alla tipologia di traccia: se non sapete fare l'analisi del testo non sceglietela solo perché conoscete l'autore; se non siete in grado di fare un saggio breve o un articolo di giornale non scegliete la tipologia B, e se non siete bravi in storia lasciate perdere la tipologia C.

2. Rispettare la struttura della tipologia di traccia. Il secondo consiglio è quello di fare attenzione alla struttura che deve avere lo svolgimento della traccia scelta. Se per la tipologia C e D occorre rispettare il solito schema introduzione, svolgimento e conclusione, per la tipologia B bisogna fare attenzione alle strutture di saggio breve e articolo di giornale e al registro linguistico da adottare. 

3. Utilizzare lo stile giusto. Lo stile cambia da tipologia a tipologia. Nell'analisi del testo lo stile è impersonale, così come nella tipologia B. Per quanto riguarda il tema storico e quello di attualità c'è più libertà in fatto di espressione, ma ricordate sempre di mantenere sempre un punto di vista più da adulti, lasciando da parte espressioni troppo infantili e scontate. 

4. Attenzione agli errori di ortografia. Questo è di importanza vitale! Visto che avete tanto, ma tanto tempo, controllate parola per parola sul vocabolario, anche per il minimo dubbio. Fate inoltre attenzione ad apostrofi ed accenti, alle doppie, alle maiuscole. 

5. Non sottovalutare la punteggiatura! Anche la punteggiatura viene tenuta in considerazione, per cui fate attenzione ad utilizzare bene punti, virgole, due punti, punto e virgola e così via. Inoltre, non dimenticate questa regola: non serve la virgola tra soggetto e verbo! 

6. Attenersi alla traccia. Il rischio che si corre spesso è quello di andare fuori traccia. Ricordate dunque di leggere bene quello che vi viene chiesto e di svolgere tutto secondo quanto c'è scritto, senza stravolgerel'elaborato parlando di tutt'altro!

7. La fretta non è dalla nostra parte. Un ultimo segreto: mai avere fretta di consegnare! Qui vi giocate tutto, per cui ragionate con calma, scrivete con calma e rileggete un paio di volte prima di consegnare. 
 

MATURITA' 2016: TUTTO SULLA PRIMA PROVA. Vuoi prepararti alla prima prova come si deve? Ecco le guide che ti servono:

MATURITA' 2016: TUTTE LE INFO. Pronto ad affrontare l'esame di stato? Ecco cosa ti serve per arrivare super preparato:

Commenti

Commenta Prima prova maturità 2016: 7 segreti per il perfetto svolgimento.
Utilizza FaceBook.