Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Saggio breve: come fare

SAGGIO BREVE: COME SI FA

Per capire come fare un buon saggio breve, la prima cosa che bisogna avere davvero chiara è la struttura tipica di questa particolare tipologia di traccia che, dopo aver torturato gli studenti nel triennio, diventa assolutamente protagonista durante la prima prova dell’Esame di Maturità.
Se non sai come si fa un saggio breve, dunque, non ti resta che procedere un passo alla volta scoprendo:

Cerchi una guida specifica per l’Esame di Stato? Leggi: Saggio breve prima prova Maturità 2016

Come fare un saggio breve

COME FARE UN SAGGIO BREVE: SCHEMA

Prima di iniziare a vedere nel dettaglio in cosa consiste lo schema per fare un saggio breve perfetto, però, è bene specificare quali sono i due errori da non fare mai durante lo svolgimento: non argomentare in modo esaustivo la propria tesi (dando alcune cose per scontato) e superare i limiti di lunghezza (che per la prima prova della Maturità solitamente sono fissati intorno alle cinque colonne).

  1. Come fare un saggio breve schema – Primo: lettura della traccia e del materiale disponibile. In questa prima fase devi accertarti di comprendere con attenzione qual è l’argomento centrale del saggio breve che dovrai scrivere. Una volta capito questo leggi con molta attenzione il materiale a tua disposizione evidenziando le parti che ritieni fondamentali e che credi di inserire nello svolgimento. Alla fine di questa prima fase devi avere già in mente qual è lo scopo à del tuo elaborato (prova a rispondere alla domanda: che tesi sostiene il mio saggio breve?).
  2. Come fare un saggio breve schema – Secondo: individuazione dei destinatari e del registro linguistico. Prima di iniziare a stendere la scaletta (alias il vero e proprio schema per scrivere il tuo saggio breve) ricordati di individuare la destinazione del tuo saggio. Per farlo cerca di rispondere a queste domande: A chi voglio rivolgermi? Per quale motivo? In base alla risposte che ti darai devi quindi individuare il giusto stile del tuo svolgimento. I registro linguistico cambia infatti a seconda del destinatario adeguato (formale = colto, burocratico, informativo; informale = colloquiale).
  3. Come fare un saggio breve schema – Terzo: la scaletta. A questo punto sei pronto per passare alla fase successiva: la stesura dello schema del saggio breve che poi dovrai seguire nel corso dello svolgimento della traccia che ti è stata assegnata. Ecco quali sono i punti fondamentali di questa fase:
    • Individuazione della tesi centrale e della documentazione ad essa favorevole o contraria all’interno del materiale fornito;
    • Individuazione di un’introduzione, di una parte centrale argomentativa e delle proprie conclusioni;
    • Suddivisione delle fonti da utilizzare all’interno dei tre blocchi appena stabiliti.
  4. Come fare un saggio breve schema – Quarto: stesura dell’elaborato. A questo punto sei pronto per scrivere il tuo saggio breve. Ricordati di seguire la tua scaletta per non perderti neanche un passaggio.
  5. Come fare un saggio breve schema – Quinto: rilettura e scelta del titolo. Una volta svolto tutto il saggio breve non ti resta che posare la penna e riposarti almeno qualche minuto. Svuota la testa, distraiti e rilassati. Quando ti sentirai pronto rileggi il saggio breve controllandone la coerenza (ti ricordi? Non devi dare nulla per scontato e ogni tua argomentazione deve poggiare su dati oggettivi!) e verificando che non ci siano errori di ortografia o di grammatica. A questo punto sei pronto a scegliere il titolo del tuo saggio breve. Un consiglio: cerca una frase non troppo lunga, meglio se ad effetto, ma non eccessivamente criptica. Prima di consegnare rileggi tutto un’ultima volta.
     

COME SCRIVERE UN SAGGIO BREVE PERFETTO: LE DRITTE IN PIU’

Fin qui tutto chiaro? Seguendo i nostri passaggi fare un saggio breve perfetto non dovrebbe più essere un problema. Se, però, vuoi davvero stupire tutti i prof con un svolgimento da applausi, allora ti consigliamo di seguire queste tre dritte in più:

  • All’inizio ricordati sempre di individuare il nocciolo del problema intorno al quale organizzare tutte le informazioni.
  • Ricordati di tenere sempre un certo rigore espositivo e argomentativo: cercare di convincere il destinatario con argomentazioni coerenti, ben organizzate secondo i principi di evidenza e razionalità, facendo attenzione ai rapporti di causa-effetto. Spesso è bene ricorrere, in modo sintetico, all’esemplificazione e al confronto tra dati diversi tra loro, per arricchire l’elaborato.
  • Nell’argomentare le tue tesi rendi l’insieme più coeso e lineare mediante l’uso di connettivi, fondamentali nei passaggi logici da un’argomentazione all’altra.


Hai bisogno di una guida più specifica? Non perderti: Come scrivere un saggio breve perfetto
 

COME FARE UN SAGGIO BREVE: ESEMPIO

Hai bisogno di un saggio breve svolto che ti aiuti a capire meglio lo schema che ti abbiamo spiegato in questa guida? Allora leggi qui:


Se, invece, hai deciso che preferisci svolgere l’articolo di giornale ecco il link che fa al caso tuo: Prima prova Maturità 2016: come svolgere l'articolo di giornale
 

COME SCRIVERE UN SAGGIO BREVE  STRUTTURA E TIPOLOGIE

Infine, ora che sei un vero e proprio esperto del saggio breve, non ti resta che approfondire le differenze che ci sono tra la varie tipologie di traccia tra cui ti troverai a scegliere il giorno della Maturità.
Ecco le nostre indicazioni riguardanti la struttura delle varie tracce:

Commenti

Commenta Saggio breve: come fare.
Utilizza FaceBook.