Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Seconda prova Scienze umane 2016: traccia svolta pedagogia

SVOLGIMENTO SECONDA PROVA SCIENZE UMANE 2016: TRACCIA DI PEDAGOGIA.  La seconda prova è arrivata e al liceo delle scienze umane la traccia scelta dal Miur per Pedagigia riguarda "Le finalità dei sistemi di istruzione in Europa". Ecco le prime soluzioni della traccia della seconda prova di scienze umane che un tutor della redazione di Studentville ha svolto per te!
Qui trovi il link con il tema svolto di pedagogia: Tema svolto Scienze Umane seconda prova 2016
Ecco il link per il live di seconda prova: Seconda prova 2016: tracce e soluzioni

TRACCIA DI PEDAGOGIA SECONDA PROVA SCIENZE UMANE 2016: SVOLGIMENTO.
Ecco lo svolgimento delle risposte alle  domande.
Illustra brevemente il  significato del termine “competenza” nel dibattito pedagogico
Il termine competenza fa riferimento alla capacità di realizzare efficacemente un compito o un insieme di compiti. Nell’ambito del dibattito pedagogico possono essere rintracciate diverse accezioni del termine competenza. Una prima accezione può essere rintracciata nella pedagogia per obiettivi e nel comportamentismo, in cui la competenza è intesa come comportamento, ovvero un atto finalizzato a rispondere ad una specifica situazione. Diversa invece l’accezione proposta dal cognitivismo in cui la competenza può essere intesa come un insieme di atti osservabili, un’azione funzionale ad un risultato.
Può essere operata una distinzione tra conoscenze (knowledges), abilità (skills), competenze (competences). Sebbene la competenza sia da intendersi piuttosto in realzione ad un saper fare, questo concetto è strettamente collegato al concetto di sapere, non inteso solo e unicamente come ricezione passiva di informazioni. La competenza implica infatti il ricorso a conoscenze concettuali e procedurali che permettono di attuare un’azione efficace utile alla risoluzione di una situazione identificata come situazione-problema.
Spiega il nesso tra democrazia ed educazione nel pensiero di Dewey
Nel pensiero di Dewey l’educazione deve essere concepita come interazione tra l’individuo e l’ambiente in cui è inserito. L’educazione viene inoltre proposta nel pensiero di Dewey come condizione essenziale alla realizzazione della democrazia, così come l’autore sottolinea nella propria fondamentale  opera  Democrazia ed educazione (1916). L’educazione deve dunque mirare a promuovere l’esercizio della democrazia nella società. La democrazia è intesa come quella forma di organizzazione sociale in cui la partecipazione del soggetto alle scelte politiche è non solo possibile, ma auspicata e sollecitata. Risulta evidente come l’individuo a cui l’azione educativa è rivolta è da intendersi come soggetto sociale e il processo educativo è da intendesi come fenomeno sociale indispensabile alla conservazione e allo sviluppo di qualsiasi comunità. In sintesi ciò che Dewey indica rispetto al rapporto tra educazione e democrazia è che i principi ispiratori della democrazia devono essere sperimentati all’interno del processo educativo.
Il candidato esponga brevemente principi e modalità della valutazione degli apprendimenti
La valutazione degli apprendimenti  assume un duplice ruolo: certificazione di quanto appreso e regolazione dell’azione didattica. In base a quest’ultimo compito la valutazione consente infatti di ottenere informazioni relative all’esito di un processo complesso come quello di insegnamento-apprendimento e di poterlo eventualmente rivedere ed adeguare. Attraverso l’attività di valutazione è dunque possibile promuovere opportunità formative e di apprendimento. Possono essere identificate tre diverse fasi della valutazione degli apprendimenti: valutazione iniziale, valutazione in itinere e valutazione finale. La valutazione iniziale, svolta attraverso ad esempio la somministrazione di prove di ingresso, consente di accertare il possesso di determinati pre-requisiti. Analizzare la situazione iniziale assume  un particolare rilievo per la progettazione educativa e didattica. La valutazione in itinere, svolta ad esempio attraverso la somministrazione di prove di verifica, consente un monitoraggio degli apprendimenti degli allievi. La valutazione finale, svolta con cadenza quadrimestrale, consente di individuare in che misura gli obiettivi sono stati raggiunti e certificare le competenze acquisite

 

Ecco la traccia di pedagogia:

Commenti

Commenta Seconda prova Scienze umane 2016: traccia svolta pedagogia.
Utilizza FaceBook.