Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Elena Cosenza

Terza prova Maturità 2015

Come abbiamo scritto in questo articolo, ci sono diverse novità per la Terza prova Maturità 2015 che potrebbe essere radicalmente diversa per i maturandi 2015. Il prossimo anno scolastico 2014/2015 a frequentare il quinto anno di superiori saranno gli studenti coinvolti nella Riforma Gelmini, il che potrebbe richiedere alcune modifiche alle prove di Maturità 2015 e in particolare alla seconda e alla terza prova Maturità 2015.

Ci sono due possibilità con le quali i maturandi del prossimo anno potrebbero confrontarsi: semplici modifiche alle modalità di svolgimento e ai contenuti delle prove; sostituzione dell’attuale prova con le Prove Invalsi. Nella prima ipotesi la terza prova Maturità 2015 non dovrebbe essere così diversa dalla precedente: i contenuti ovviamente si dovranno adattare ai nuovi piani di studio previsti per le classi comprese nella Riforma Gelmini, ma in questo caso non ci sarebbe nessun cambiamento pratico visto che sono le commissioni di Maturità di ogni classe a scegliere, da anni, le domande presenti nella terza prova basandosi sui programmi della classe. Nel caso fossero solamente i contenuti a interessare il cambiamento della terza prova, essa rimarrebbe composta così come è ora: sei diverse tipologie che si possono presentare ai maturandi 2015 e ognuna con diverse modalità di svolgimento, da completare entro tre ore; solitamente ogni scuola informa da subito gli studenti del quinto anno riguardo la tipologia scelta.

Di seguito le tipologie della terza prova:
- Trattazione sintetica di argomenti […] contenente l'indicazione della estensione massima consentita (numero delle righe o delle parole). Tale proposta può essere presentata al candidato anche mediante un breve testo, in relazione al quale vengano poste specifiche domande.

Es. Gli anni 1870-1914 sono stati definiti come “età dell’imperialismo”o come “età della seconda rivoluzione industriale”. Spiega le due definizioni (max 10 righe)
Il termine “imperialismo” indica la tendenza di uno stato ad esercitare un controllo nei vari campi, diretto o indiretto, su un altro paese più debole. Negli anni 1870-1914, il colonialismo avanzò a un ritmo più rapido rispetto al passato e si incrinarono i rapporti tra le potenze che diventarono sempre più ostili. Nei paesi che attuavano l’imperialismo erano molto diffuse idee nazionaliste e razziste, mentre in quelli che la subivano nacquero idee di indipendenza. Con l’espressione “seconda rivoluzione industriale” si indicano tutti i progressi tecnologici avvenuti nella seconda metà dell’Ottocento. In questo periodo furono scoperte nuove forme di energia (come, ad esempio, il petrolio e l’elettricità), nacquero nuovi mezzi di comunicazione e di trasporto e si ebbe uno sviluppo notevole nel campo delle scienze (ad esempio nella medicina) e del commercio.

-       Quesiti a risposta singola, volti ad accertare la conoscenza ed i livelli di competenza […] su argomenti riguardanti una o più materie, possono essere articolati in una o più domande chiaramente esplicitate. Le risposte debbono essere in ogni caso autonomamente formulate dal candidato e contenute nei limiti della estensione massima indicata dalla Commissione.

Es. Perché gli anni 1919-1920 presero il nome di biennio rosso? (max 5 righe)
Gli anni 1919-1920 furono definiti «biennio rosso» perché in tutta Europa, durante il primo dopoguerra, si ebbero degli scontri che videro come protagonisti gli operai. Essi, infatti, ispirandosi al comunismo, non rivendicavano soltanto gli aumenti salariali, ma volevano il controllo e la gestione delle fabbriche. Le lotte degli operai furono contenute in Francia e Inghilterra; in Germania e in Italia videro la successiva nascita del nazismo e del fascismo; in Austria la Sinistra fu sconfitta; in Ungheria, in seguito a una rivoluzione popolare, nacque la repubblica che durò fino al 1939.

- Quesiti a risposta multipla, per i quali vengono fornite più risposte, tra cui il candidato sceglie quella esatta […] Tali quesiti possono pertanto concretarsi in vere e proprie prove strutturate vertenti su argomenti di tutte le materie dell'ultimo anno di corso.

- Problemi a soluzione rapida, articolati in relazione allo specifico indirizzo di studio e alle esercitazioni effettuate dal candidato nel settore disciplinare coinvolto nel corso dell'ultimo anno.

- Analisi di casi pratici e professionali, correlata ai contenuti dei singoli piani di studio dei vari indirizzi.[…]La trattazione di un caso pratico e professionale, che costituisce una esercitazione didattica particolarmente diffusa negli Istituti professionali e tecnici, può coinvolgere più materie ed è presentata con indicazioni di svolgimento puntuali e tali da assicurare risposte in forma sintetica.

- Sviluppo di progetti […] in particolare negli Istituti tecnici e professionali, in relazione ai singoli piani di studio, può essere richiesto lo sviluppo di un progetto che coinvolga diverse discipline o la esposizione di una esperienza di laboratorio o anche la descrizione di procedure di misura o di collaudo di apparati o impianti che siano tali da consentire al candidato di dimostrare anche la conoscenza degli strumenti, delle loro caratteristiche e delle metodologie di impiego.

Nel caso in cui, invece, si concretizzasse la voce secondo la quale le Prove Invalsi sostituiranno la terza prova Maturità 2015, cambierebbe l’intero scritto: dai contenuti allo svolgimento. Dal momento che è solamente una voce di corridoio, non ci è ancora dato sapere se la durata dell’attuale terza prova (tre ore) rimarrà invariata oppure si svolgerà secondo nuovi orari. Ciò di cui siamo certi invece è che, provenendo da un Istituto a sé stante la scuola, la prova scritta non si baserebbe più sui singoli programmi di classe ma su programmi indicativi forniti dal Ministero dell’Istruzione (MIUR), con il rischio che gli studenti possano essere valutati alla Maturità 2015 su argomenti non trattati durante l’anno scolastico. Percorrendo l’ipotesi di una Prova Invalsi come terza prova scritta, non si può immaginare nemmeno se comprenderà solamente un questionario oppure questionario e domande a risposta aperta (ipotesi più probabile). Sicuramente già dagli inizi di settembre avremo novità in merito.

Commenti

Commenta Terza prova Maturità 2015.
Utilizza FaceBook.