Articoli Esame Maturità

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Traduzione Versione latino 2017: svolgimento della traccia

TRADUZIONE VERSIONE LATINO 2017: COME SVOLGERE LA TRACCIA

Alla seconda prova mancano pochi minuti: ti senti pronto? Tra le due materie di seconda prova di Maturità 2017 del Liceo Classico è stato scelto Latino, come del resto ci si aspettava seconda la regola non scritta dell'alternanza. Per la seconda prova del liceo classico, infatti, vale in genere questa tradizione, dunque, visto che lo scorso anno c'è stata una versione di greco, alla Maturità 2017 i ragazzi affronteranno una versione di latino. Manca poco quindi occorre fare un ultimo sforzo e ripassare le ultime cose in vista della seconda prova 2017 per potere affrontare con serenità la versione di latino. I dubbi sull’autore, sulle tue capacità di traduzione e sull’ansia che potrebbe mandarti in tilt oggi 22 giugno, giorno di seconda prova, non ti danno pace? Tranquillo: fai un bel respiro e segui i nostri consigli su come svolgere passo passo la traduzione della versione di latino alla Maturità 2017.  Inoltre, tieni d'occhio questo articolo, in cui troverai tutti gli aggiornamenti live sulla versione di latino. 

Tieni sotto controllo anche questi articoli con il live della prova:

Vuoi maggiori info sugli autori? Leggi qui: Versione di latino Maturità 2017: gli autori più amati dal Miur

versione latino 2017 traduzione

VERSIONE LATINO 2017: COME SVOLGERE LA TRADUZIONE

Indipendentemente dall’autore che uscirà e dal fatto che tu possa avere già studiato o letto il brano in questione (il che sarebbe un bel colpo di fortuna), tradurre bene una versione è possibile. Ovviamente il primo requisito è che tu ti sia allenato durante l’anno con molte versioni di latino, per arrivare sicuro alla maturità, dove si sa, anche fattori come ansia e agitazione possono giocare brutti scherzi. Per evitare spiacevoli sorprese, quindi, adotta il seguente modus operandi e non dovresti avere problemi:

  • Leggere titolo, didascalia e note

    Sembra banale, ma non lo è. Il titolo della versione è un elemento molto utile perché ci aiuta a capire l’argomento o il protagonista della traccia da tradurre. Spesso il titolo può coincidere con una frase del testo, in particolare della prima. Leggi attentamente anche la didascalia che introduce il brano e che ti aiuta a contestualizzare l’intero testo. Per questo fine, sono molto utili anche eventuali note.
  • Leggere la versione un paio di volte

    A questo punto leggi prima il brano (meglio se un paio di volte) nella sua interezza: prima di passare alla traduzione parola per parola e frase per frase cerca di capire il significato generale della versione.
  • Iniziare a costruire le frasi

    Arrivato alla maturità di liceo classico, saprai ormai che l’ordine degli elementi di una frase latina non corrisponde alla costruzione italiana di una frase. Prima di tutto individua il verbo della proposizione principale, da cui puoi ricavare soggetto, complemento oggetto ed eventuali complementi indiretti e poi passa alle subordinate.
  • Utilizzare il vocabolario per tradurre le frasi

    Una volta che hai ordinato i vari elementi delle frasi, puoi iniziare a cercare sul dizionario i significati delle parole che non conosci o su cui hai dubbi o che vuoi comunque controllare.
  • Rileggere il testo

    Ovviamente prima di consegnare il testo nelle 4 ore previste, rileggi l’intera versione e la traduzione da te effettuata per controllare eventuali errori e verificare che il testo abbia un senso logico compiuto

VERSIONE LATINO 2017 TRADOTTA: LE REGOLE DI GRAMMATICA DA CONOSCERE

Abbiamo visto che, prima di procedere alla traduzione dal latino all’italiano delle singole parole, è necessario ordinare le frasi secondo la logica che ci permetta di tradurre in italiano la versione. Come procedere dunque?

  • Per prima cosa, individua i verbi in un periodo, in modo da capire quanti soggetti ci sono e quindi quante frasi.
  • Sottolinea poi il verbo della frase principale da cui iniziare ad analizzare la proposizione. Il verbo infatti ci aiuta a capire la persona a cui si riferisce.
  • A questo punto è possibile individuare il soggetto andando ad analizzare le parole nella frase che sono al nominativo (ad esempio se il verbo è alla terza persona singolare, anche il soggetto sarà al nominativo singolare).
  • Dopodiché è possibile procedere all’individuazione degli altri elementi che compongono la frase tenendo sempre di conto che nella costruzione di una frase esiste una gerarchia tra i casi:
  1. Nominativo (soggetto)
  2. Accusativo (oggetto)
  3. Dativo
  4. Ablativo (fornisce informazioni necessarie)
  5. Il genitivo, invece, è il caso che appoggia gli altri quindi la sua posizione è variabile in quanto precede il caso a cui si riferisce.
  • Inoltre, il verbo ci permette non solo di capire la sua persona (e quindi il soggetto) e il tempo, ma anche eventuali complementi: un verbo transitivo, infatti, avrà anche un complemento oggetto, cosa da escludere in caso di verbo intransitivo. Inoltre, se un verbo è alla forma passiva, oltre al soggetto sarà probabilmente presente un complemento d’agente o di causa efficiente.
  • Analizzata una frase è poi possibile anche ricostruire le subordinate, seguendo gli stessi principi. Ricordati poi che non è importante inserire nella traduzione prima o dopo la principale, l’importante è che l’ordine sia giusto al suo interno.

VERSIONE LATINO 2017: COME USARE IL DIZIONARIO

L’uso del dizionario è importante quindi non sottovalutare questo importante strumento. Come utilizzarlo al meglio? Ecco alcuni semplici consigli:

  • Traduci dopo aver ordinato le frasi. Come abbiamo già ripetuto, prima di procedere con la traduzione dei vocaboli, ordina gli elementi della frase latina per poterne ricostruire da subito il significato corretto.
  • Cerca tutti i vocaboli su cui hai dei dubbi. In fase di esame, non essere pigro: cerca sul vocabolario tutti i termini che non conosci, ma anche quelli su cui hai dei dubbi o anche quelli che conosci per verificare che non abbiamo altri significati.
  • Non ti fermare al primo significato. Molti termini hanno diversi significati, quindi non ti fermare al primo che potrebbe essere forviante e portarti all’errore. Leggi tutte le definizioni e scegli quella che ti sembra più consona al contesto.
  • Fai attenzione agli esempi. Molti vocabolari di latino riportano esempi tratti da versioni per spiegare una parola. Leggili quindi sempre: sia mai che tu trovi un piccolo estratto della tua versione di latino!

VERSIONE LATINO 2017: GLI ERRORI DA NON FARE

Infine, riepiloghiamo gli errori da evitare quando si traduce una versione di latino:

  • Non leggere titolo, didascalia e note con attenzione.
  • Tradurre i vocaboli prima di avere ordinato grammaticalmente le parole nella frase: il rischio di sbagliare è molto alto in quanto si rischia di creare frasi di senso compiuto ma diverse dal significato originale (e questo non è lo scopo della traduzione).
  • Utilizzare solo il primo significato che si trova sul vocabolario.
  • Tradurre senza vocabolario. Affidarsi ai propri ricordi o al senso delle parole porta a grandi sviste ed errori. Non è un caso che in seconda prova di maturità sia ammesso il dizionario di latino: è uno strumento che ci salva da numerosi errori, quindi utilizzalo.
  • Non verificare che le frasi siano di senso compiuto. Se affidarsi ai nostri sensi non è sufficiente, la logica comunque aiuta: l’ottimo sarebbe ovviamente se tu conoscessi il brano o l’evento di cui si parla, ma nella costruzione delle frasi chiediti sempre se il modo in cui stai traducendo ha un senso logico.
  • Non rileggere la versione e la traduzione prima di consegnarla, verificando così che la traduzione sia corretta, di senso compiuto e priva di errori.

VERSIONE DI LATINO: TRACCE DEGLI ANNI PRECEDENTI

Per arrivare pronto alla seconda prova di liceo classico, c’è bisogno di tanto allenamento. L’ultimo consiglio che ti vogliamo dare è quindi quello di esercitarti con le versioni di latino delle precedenti maturità, che simulano fedelmente la prova che dovrai affrontare. Le trovi qui: Le versioni della Maturità degli scorsi anni

Trovi anche altre versioni e risorse di autore latini su:

ESAME MATURITÀ 2017: COSA SAPERE

Consulta tutte le nostre risorse sulla Maturità 2017:

Commenti

Commenta Traduzione Versione latino 2017: svolgimento della traccia.
Utilizza FaceBook.