100 GIORNI MATURITÀ 2018: QUANDO CADONO E COSA FARE

100 giorni all’Esame di Maturità 2018 sono alle porte e i pensieri degli studenti si fanno sempre più nefasti: simulazioni di terza prova da affrontare, Tesina di Maturità da scrivere (o anche solo da decidere!), materie di seconda prova, tototema e tanto altro… Ansia? Ancora non è il momento: prima bisogna pensare ai 100 giorni, tappa irrinunciabile nonché uno dei pochi risvolti positivi dell’Esame di Maturità. Insomma, studiare è importante, ma anche divertirsi; Cene con i compagni, nottate in giro, torte bellissime, pomeriggi passati a chiedere qualche soldo per finanziare l’inizio del conto alla rovescia più importante della vota. In poche parole? Momenti indimenticabili. Carichi per questi 100 giorni? Noi sì e vi vogliamo aiutare così…

Leggi anche:

100 GIORNI MATURITÀ 2018: LA DATA

 Cominciamo quindi con il capire precisamente come si calcola la data più amata della Maturità 2018! I cento giorni si calcolano, ovviamente, a partire dal giorno della prima prova d’esame. Quest’anno la prima prova della maturità 2018 è stata fissata per il 20 giugno, quindi la data dell’inizio dei 100 giorni è quella del 13 marzo. Naturalmente i festeggiamenti avranno ben altra durata visto che sono previste, come tutti gli anni, le collette per guadagnare i fondi per stare almeno un paio di giorni con i compagni di classe, magari durante il fine settimana, lontani da genitori e professori che non fanno altro che ricordarvi che manca poco, veramente poco, al diploma di maturità con tutto il suo contorno di stress, studio, commissari che vi fanno paura e novità dell’ultimo minuto che minacciano di farvi cadere i capelli prima del tempo.

Leggi anche:

100 GIORNI MATURITÀ 2018: COME FESTEGGIARE

Le idee per festeggiare i 100 giorni della Maturità 2018 sono molte, qui ve ne vogliamo proporre alcune:

  • La celebre “pizzata” in compagnia dei professori
  • Tutti a casa a vedere un film per esorcizzare la paura
  • Falò in spiaggia
  • Una bella scampagnata fuori città
  • L’occupazione semiabusiva della casa di quel compagno che ha casa al mare/montagna/collina/qualsiasi
  • Tra le tradizioni più celebri legate ai 100 giorni esiste anche quella scaramantica del pellegrinaggio al santuario di San Gabriele dell’Addolorata che si trova in provincia di Teramo, partecipando alla benedizione delle penne (che dovrete portare poi all’esame, ovviamente)
  • In Toscana esiste, inoltre, la tradizione di accarezzare la lucertola di Piazza dei Miracoli

Cerchi altre idee? Leggi: 100 giorni Maturità 2018. I riti migliori

100 GIORNI MATURITÀ 2018: LE FRASI MIGLIORI

Da non sottovalutare, poi, c’è una new entry degli ultimi anni: festeggiare con una torta a tema con la scritta dedicata ai 100 giorni. Si parte dal classico “100 non fa cultura, 60 non fa paura”, al più creativo “Quest’esame è un’agonia non vedo l’ora di andar via”, passando per gli in bocca al lupo e per il sempre adatto “Prof quando arrivo a 60 fermatemi”. Voi cosa avete scritto sulla vostra torta? Fatecelo sapere e condividete con noi le vostre foto sul gruppo: Maturità 2018: #esamenontitemo.

100 GIORNI MATURITÀ 2018: IDEE PER FESTEGGIARE ALLA GRANDE

Se, invece, causa studio siete in un mare di guai, ecco qualche suggerimento dell’ultimo minuto:

Sei preoccupato per l’esame di maturità? Ecco qualche link utile: