Maturità 2018: si viene ammessi con la media del 6?

Oggi vogliamo vedere insieme a voi quali sono i criteri di ammissione all’esame di maturità, in particolare vogliamo risolvere i dubbi di tutti coloro che hanno raggiunto la sufficienza e temono, per questo, di non poter accedere agli esami.  Ormai quel che è fatto è fatto, manca poco più di un mese e a breve scoprirete se siete stati ammessi o meno; nel frattempo continuate a studiare per le ultime interrogazioni, rifinite le vostre mappe concettuali e le tesine e tutto andrà come deve andare. Procediamo con calma, scopriamo i criteri di ammissione e rispondiamo alla vostra domanda.

Ammissione Maturità 2018: i criteri

Per essere ammessi agli esami di maturità ci sono dei criteri che dovrete dimostrare di soddisfare. Vostra madre vi direbbe che basta solo studiare, ma purtroppo non è così; ci sono altre dinamiche da tenere in considerazione, stabilite dal Miur e che non differiscono da quelle dell’anno scorso. L’articolo 6, comma 1, D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122, che ancora oggi è in vigore, stabilisce i seguenti criteri:

  • Primo: avere la sufficienza in tutte le materie. Questo significa che la media deve essere almeno sei ma che comunque non è possibile essere ammessi alla Maturità se si ha, per esempio, 8 in latino e 4 in matematica.
  • Secondo: avere una votazione di comportamento non sotto i sei decim”. Il famoso “voto in condotta”, quindi, anche se non fa media può non farti ammettere all’Esame di Stato.
  • Terzo: aver frequentato almeno tre quarti dell’orario annuale.

Ricordate, inoltre, di pagare la tassa d’esame che vi verrà consegnata dalla scuola che informerà gli studenti riguardo la scadenza entro cui effettuare il pagamento. Ora, arriviamo al dunque, alla domanda che vi assilla e che non vi fa dormire sereni la notte perché, alcuni di voi, raggiungono la sufficienza e non sanno se basti.

Maturità 2018: bisogna avere la media del 6 in tutte le materie, ma non basta

Vi abbiamo già risposto, ma ve lo ribadiamo a caratteri cubitali in modo da non avere più dubbi a riguardo. Secondo i criteri stabiliti dal Miur con l’articolo 6, comma 1, D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122, che ancora oggi è in vigore, si viene ammessi agli esami se si è raggiunta la media del 6 in tutte le materie, ma da solo, questo criterio non basta. Dovete avere il famoso voto in condotta non inferiore a sei decimi e dovete aver frequentato almeno tre quarti dell’orario annuale. Ora fatevi due calcoli e saprete se sarete ammessi.

Leggi anche: