Se devi sostenere la maturità 2018 non perderti:

AUTORE VERSIONE DI LATINO MATURITÀ 2017

L’autore uscito nella versione di latino, la traccia ufficiale di seconda prova del liceo classico alla Maturità 2017 è Seneca! I ragazzi se lo sono domandato da un po’, pensando un po’ agli autori che sono usciti più volte negli ultimi anni e a quelli che non sono mai stati scelti.

Ecco un link che può esservi utile: Seneca: opere e versioni tradotte.
Ora che la seconda prova di Maturità è iniziata, gli unici dubbi nella testa dei maturandi riguardano principalmente la difficoltà della versione: bisogna mettercela tutta, ma intanto restate con noi, vi aggiorneremo con tutte le news sulla versione!

Tieni sotto controllo questi articoli:

autore versione latino

AUTORE VERSIONE DI LATINO 2017: I PIÙ AMATI DAL MIUR

Andando a esaminare tutte le versioni di latino scelte per l’Esame di Stato degli anni passati, possiamo capire quali sono gli autori che il Miur sembra apprezzare di più. L’autore più scelto in assoluto è stato Cicerone, che ha fatto ben 20 comparse in seconda prova di Maturità (di cui 2 negli ultimi 15 anni), seguito da Seneca (15 volte, di cui 3 dal 2001 a oggi). Tacito è stato scelto 4 volte, di cui l’ultima due anni fa, mentre a seguire troviamo Quintiliano (scelto 3 volte, di cui l’ultima nel 2013), Petronio (2 volte), Valleio Patercolo (2 volte), Plinio il Giovane (2 volte), Apuleio (1 volta), Claudio Marmetino (1 volta), Aulo Gellio (1 volta), Macrobio (1 volta) e Vitruvio (1 volta).

Per approfondire leggi:

AUTORE VERSIONE DI LATINO MATURITÀ 2017: I GRANDI ASSENTI

Abbiamo visto quali sono stati gli autori latini scelti dal Miur dagli anni ’60 a oggi, ma quali sono invece i grandi assenti? Tanti sono infatti i nomi illustri mai apparsi in una versione di latino in seconda prova di maturità al liceo classico. Ecco qualche nome:

  • Virgilio: il grande scrittore dell’Eneide e accompagnatore di Dante nella Divina Commedia non è mai stato preso in considerazione dal Miur per la maturità.
  • Giulio Cesare: anche Giulio Cesare ci ha lasciato una grande quantità di testi scritti, eppure non è mai stato scelto.
  • Sallustio: anche il politico romano autore di importanti opere storiche, come il De Catilinae coniuratione e il Bellum lugurthinum, non è mai comparso in seconda prova di maturità.
  • Lucrezio: è stato snobbato dal Miur anche l’autore del celebre De rerum natura.
  • Catullo: il poeta romano è forse troppo amato e popolare per essere scelto dal Miur?
  • Orazio: anche l’altro poeta latino per eccellenza, Orazio, non hai mai incontrato i favori del Ministero.
  • Plauto: nessuna menzione anche per il prolifico commediografo latino.
  • Terenzio: nessun estratto dalle commedie di Terenzo è mai stato scelto dal Miur per la seconda prova di liceo classico.

AUTORE VERSIONE DI LATINO 2017: COME SCEGLIE IL MIUR

Dopo aver visto quali sono gli autori scelti e quelli mai comparsi nella versione di latino di seconda prova, possiamo provare a capire come il Miur sceglie l’autore. La prima cosa che si nota è che il Ministero tende a scegliere autori meno noti e di nicchia: questo perché è più difficile che gli studenti conoscano il testo o lo abbiano già tradotto in classe. In particolar modo, poi, negli ultimi anni, la scelta su autori meno conosciuti è dovuta anche alla minore possibilità dei maturandi di copiare le versioni, in caso riuscissero a collegarsi a internet o a contattare qualcuno di esterno che cerchi le versioni sul web. Ricordiamo, poi, che i dizionari di latino, spesso e volentieri, riportano intere frasi di versione tradotte, quindi è facile capire per quale motivo si tenda a escludere gli autori più celebri. Che il Miur scelga uno degli autori che manca da tempo come Petronio, Apuleio o Plinio il Giovane?
Fanno eccezione a questa regola sicuramente Cicerone, Seneca (e anche Tacito): in questo caso, però, questi autori latini hanno scritto talmente tante opere e documenti, che gli spunti per una versione originale non mancano mai. Visto l’andamento con cui sono stati proposti, Cicerone o Seneca potrebbero riproporre uno dei due alla Maturità 2017.
Tuttavia, è vero anche che il Miur potrebbe optare anche per inserire un autore mai scelto in precedenza: che l’autore di quest’anno sia magari Giulio Cesare o Sallustio?

Se hai dubbi sulla traduzione consulta la nostra raccolta completa di versioni tradotte: