SECONDA PROVA 2018 SCIENZE UMANE: COME FARE UN TEMA PER LA MATURITÀ

Sei finalmente arrivato al quinto e sappiamo bene che la prova che ti spaventa di più è la seconda prova: la Maturità 2018 è ancora lontana, ok, ma è normale essere un po’ preoccupati, in quanto si tratta di una tappa importante della carriera scolastica. Frequentate il Liceo delle Scienze umane? E allora, come saprete, il vostro liceo è relativamente nuovo e quest’anno sarà solamente la sua quarta volta all’esame di Stato.
È un po’ complicato quindi reperire tante informazioni per cercare di tranquillizzarvi: c’è poco materiale in circolazione per prepararsi, ma sufficiente per capire in cosa consisterà l’esame. Come fare allora? Ci pensiamo noi, non temete: vi spiegheremo passo dopo passo come fare un tema di Scienze umane per la Seconda Prova Maturità 2018.

SECONDA PROVA SCIENZE UMANE MATURITÀ 2018

Come sapete, la seconda prova Maturità 2018 è diversa per ogni indirizzo di studi e per il Liceo scienze umane sono previste due diverse materie, che ovviamente saranno oggetto della prova, poiché questo liceo è suddiviso in due differenti indirizzi: il normale liceo delle scienze umane e l’indirizzo economico-sociale. L’indirizzo tradizionale del liceo delle scienze umane prevede come seconda prova un tema di Scienze Umane, che coinvolge discipline come antropologia, pedagogia, sociologia. L’opzione economico-sociale del liceo delle scienze umane invece prevede, come seconda prova, un tema di Diritto ed Economia politica oppure una traccia di Scienze Umane. Vediamo allora come svolgere la seconda prova nel dettaglio.

Leggete:

SECONDA PROVA MATURITÀ 2018: COME SVOLGERE LA TRACCIA DEL LICEO SCIENZE UMANE

Come fare un tema per la seconda prova del Liceo scienze Umane? Come abbiamo viste, questo Liceo è davvero nuovo e sono davvero ancora pochi gli ex allievi che hanno dovuto affrontare la prova. Però non importa, ci siamo qui noi per darvi una mano. Non ndovete preoccuparvi: domani, davavnti al foglio con la traccia, prima di tutto cercate di allontanare la paura e concentratevi. Una volta ritrovata la calma e il sange freddo, ecco cosa dovete fare:

  • Leggere la traccia: Per prima cosa, dovrete leggere attentamente la consegna e i documenti allegati, anche più di una volta. Capire cosa richiede la traccia è fondamentale per non uscire fuori tema.
  • Schema di lavoro: Fate una scaletta di ciò che volete scrivere. Impostare questo tipo di lavoro è importante per organizzare il lavoro, non perdere il filo del discorso e assicurarsi di toccare tutti i punti previsti dalla traccia.
  • Importante: ricordatevi di strutturare il tema con introduzione, corpo centrale e conclusione, ma soprattutto ricordate di attenerti a quello che richiede la traccia.
  • Introduzione: è il momento di cominciare a scrivere! Presentiamo brevemente l’argomento di cui parleremo, in modo preciso e chiaro.
  • Corpo centrale del testo: è il tema vero e proprio, la parte in cui sviluppiamo tutto quello che richiede la traccia. Dunque, seguendo tutte le direttive, argomentiamo la tematica, facciamo esempi, inseriamo collegamenti, approfondimenti, inseriamo qualche considerazione personale (se serve e se la tipologia lo permette).
  • Conclusione: infine, concludiamo il nostro testo riassumendo brevemente tutto quello di cui abbiamo parlato
  • Dividete in testo in paragrafi in base agli aspetti da trattare, vi aiuterà parecchio e renderà il tema scorrevole.
  • Per arricchire il vostro elaborato potete citare autori, testi letti, la costituzione italiana, il codice civile.
  • Stile del tema: quale utilizzare? Ricordiamo che di base ognuno di noi deve avere uno stile personale, ma questo dovrà adattarsi alle varie tipologie di traccia che dovremo svolgere.
  • Infine, ricordate di scrivere in un italiano corretto e fluente: controllate errori di ortografia, i periodi, le concordanze. Rileggete per essere sicuri e poi consegnate!

Iscrivetevi al gruppo Facebook Maturità 2018: #esamenontitemo