Maturità 2018: come prepararvi

Siamo davvero sempre più vicini agli esami di maturità, e noi vogliamo darvi qualche informazione utile su come prepararvi per il ripasso finale in attesa delle prove che vi aspettano, le tre scritte e quella orale. Avete iniziato a farvi un’idea di come impostare il vostro studio matto? Innanzitutto vi consigliamo di fare delle mappe concettuali da cui partire, ripercorrete il programma scolastico di tutte le materie, iniziate a fare dei collegamenti tra di esse, oltre a quelli già fatti per la vostra tesina. Questo è un buon metodo per avere, alla fine dell’anno e in previsione dell’esame, un quadro completo di tutto quello che è stato fatto durante il percorso e non rischiate di rimanere a bocca aperta di fronte a qualsiasi tipo di domanda vi venga posta, scritta o orale.

Leggi anche: Maturità 2018: quando iniziare a studiare

Come studiare per la Maturità 2018: riassunti

Come vi abbiamo già anticipato in apertura, oggi siamo qui per darvi dei consigli utili su come prepararvi per gli esami di maturità. In particolare i nostri consigli vi serviranno per affrontare al meglio la terza prova e la prova orale. Parliamo di queste due prove perché, come sapete, sono quelle che abbracciano più materie e, gli argomenti scelti dai professori e le domande che potranno porvi, sono tante e nel dubbio è bene che arriviate preparati al massimo delle vostre potenzialità. La prima cosa da fare è, senza dubbio, fare dei riassunti curati e dettagliati che vi aiuteranno a rinfrescare tutti gli argomenti che avete trattato durante l’anno. Iniziate con una materia, ad esempio italiano, andate a ritroso nel tempo, arrivate a settembre e cercate di ricordare i primi argomenti trattati e, di ognuno di questi, fate dei riassunti curati e dettagliati che dovrete solo rileggere qualche tempo prima dell’esame. Se avete bisogno di riassunti già svolti, consultate il nostro archivio con tutte le materie: Archivio Appunti

Maturità 2018: come fare il ripasso finale

Il ripasso finale è essenziale per poter arrivare sicuri e preparati alle prove che richiederanno maggiore sforzo. La terza prova e la prova orale richiedono maggior concentrazione in quanto coinvolgono più materie e quindi, per evitare di rimanere a bocca aperta a qualsiasi tipo di domanda, è bene che ripetiate tutto, ma proprio tutto quello che è stato trattato durante l’anno. Per fare il ripasso finale, mettete insieme i riassunti che avete fatto, curati e dettagliati, e iniziate da quelli per ripetere tutto e fate, mentalmente, i vari collegamenti tra le materie in modo da lasciare, voi, a bocca aperta la commissione pronta a darvi dei giudizi.

Leggi anche:

Maturità 2018: info e consigli

Tieni d’occhio le nostre guide specifiche sull’Esame di Stato: