SECONDA PROVA SCIENTIFICO MATURITÀ 2018: FISICA MODERNA

La seconda prova liceo scientifico maturità 2018 potrà contenere una traccia di matematica o di fisica: è questo quanto ormai è stato stabilito dal Miur da un po’ di anni, rompendo così la tradizione del classico compito di matematica in cui si sono cimentati migliaia di studenti. Ovviamente, finché non usciranno le materie di seconda prova non potremo sapere con esattezza se ci sarà una seconda prova di fisica o matematica, anche se tutto fa pensare ad una possibile traccia di fisica per la Maturità 2018. Per questo motivo è bene ripassare a fondo il programma definito dal Miur ed allenarsi come si deve, sia per la simulazione, sia per una possibile seconda prova di fisica. In questo post ci concentreremo sul programma di Fisica Moderna: ecco quali sono gli argomenti da studiare e quali competenze e abilità occorre acquisire!

Non perderti: Fisica alla Maturità 2018? Ecco perché

SECONDA PROVA SCIENTIFICO MATURITÀ 2018: LA TRACCIA DI FISICA

Per svolgere correttamente la traccia di fisica della seconda prova liceo scientifico occorre studiare perfettamente gli argomenti elencati nel quadro di riferimento pubblicato dal Miur: Induzione elettromagnetica, equazioni di Maxwell e onde elettromagnetiche, relatività, fisica quantistica, Fisica Moderna. Ogni studente dovrà saper utilizzare correttamente gli strumenti matematici adeguati, utilizzare i procedimenti giusti e descriverli nel modo adeguato, dovrà essere in grado di formulare ipotesi. Per quanto riguarda la struttura della traccia ufficiale, probabilmente rispecchierà quella delle simulazioni: dunque dovremo aspettarci 2 problemi di fisica corredati da una serie di quesiti, dei quali bisognerà svolgerne uno solo. Leggi qui per avere maggiori dettagli sulla traccia della seconda prova di fisica: Seconda prova scientifico maturità 2018: traccia di fisica

SECONDA PROVA FISICA MATURITÀ 2018: COSA STUDIARE DI FISICA MODERNA

Gli argomenti di fisica moderna elencati nel quadro di riferimento pubblicato dal Miur sono contenuti facoltativi che i singoli docenti potranno affrontare o meno durante l’anno scolastico e che dunque non saranno oggetto della seconda prova, ma potranno essere esaminati nella terza prova o alla prova orale. Dice infatti a tal proposito il Ministero: “Relativamente  alla sezione “D” del  Quadro, “Argomenti e approfondimenti di Fisica Moderna”, rimane ferma la libertà di scelta dei docenti fra uno o più argomenti specifici da affrontare, avendo  cura che lo studente ne comprenda l’importanza e il significato  e che sappia inquadrarli nelle problematiche scientifiche di base o applicative attuali. Da ciò consegue che tali argomenti di approfondimento della Fisica Moderna potranno essere oggetto solo della prova orale e della terza prova scritta, ma non della seconda prova scritta”. Gli argomenti di fisica moderna consigliati dal Miur riguardano:

  • astrofisica
  • cosmologia
  • particelle elementari
  • energia nucleare
  • semiconduttori
  • micro e nano-tecnologie

Una volta affrontati tali argomenti, ogni allievo dovrà essere in grado di illustrare almeno un aspetto della ricerca scientifica contemporanea, dello sviluppo della tecnologia, delle problematiche legate alle risorse energetiche.

Ecco il programma completo: Seconda prova scientifico fisica Maturità 2018: cosa studiare

SIMULAZIONI SECONDA PROVA FISICA

Infine, per prepararti al meglio dovrai anche esercitarti come si deve. Ecco le simulazioni del Miur del 2017 e del 2016:

SECONDA PROVA FISICA: TUTTE LE DRITTE

Non perderti le altre guide per affrontare la seconda prova di fisica:

E se dovesse uscire matematica? Preparati con noi: Maturità: Guida alla seconda prova di matematica

Iscriviti al gruppo Facebook Maturità 2018: #esamenontitemo per risolvere dubbi e avere consigli sulle prove e sulla tesina.