Tema storico sulla Prima Guerra Mondiale svolto

di Angela Ardizzone | 2 marzo 2018

TEMA STORICO SULLA PRIMA GUERRA MONDIALE SVOLTO

 La tipologia C della Prima Prova di Maturità rappresenta uno scoglio difficile da superare: in genere gli insegnanti sconsigliano di svolgere la traccia di argomento storico, in quanto si può cadere facilmente in errore. Se infatti si tratta di un tema dalla struttura semplice, riguardo al contenuto invece occorre essere super preparati sull’argomento oggetto della traccia, per cui è facile avere dubbi su nomi, battaglie e date. Se però la Storia è la tua passione e pensi di farcela, allora non ti rimane che allenarti con il tema storico in vista dell’Esame di Stato. Oggi ti proponiamo un esempio svolto di tema storico sulla Prima Guerra Mondiale: si tratta di un argomento che in passato è stato oggetto della prima prova (anche se indirettamente)… Tuttavia, chi lo sa? Potremmo ritrovarcelo anche alla Maturità 2018. E allora forza, continua a leggere così da farti un’idea su come impostare il tuo elaborato!

Per approfondire leggi qui: Prima Guerra mondiale: cause, schieramenti, date e chi ha vinto

tema storico prima guerra mondiale

Aggiornati con i nostri incredibili live sulla Maturità 2018:

PRIMA PROVA MATURITÀ 2018, TEMA STORICO SULLA PRIMA GUERRA MONDIALE: INTRODUZIONE

Il primo conflitto mondiale, che tutti ricordiamo come Grande Guerra, abbraccia un periodo di tempo che va dal 1914 al 1918. Come tutti sappiamo dai libri di scuola, la goccia che fece traboccare il vaso fu l’uccisione a Sarajevo dell’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono dell’impero austro-ungarico, da parte del servo Gavrilo Princip. Diciamo quindi che questa fu la causa scatentante, l’evento che poi originò tutto quello che si verificò dopo.

TEMA STORICO PRIMA GUERRA MONDIALE: SVOLGIMENTO

Le vere cause vanno però cercate facendo un rapido passo indietro: già da un po’ l’Europa era divisa in due blocchi, e le due fazioni (Triplice Intesa e Triplice Alleanza) erano in conflitto per questioni coloniali e spartizione di territori conquistati. Ciò che fece Princip e dietro di lui la Mano Nera, fu semplicemente dare il via ai giochi, provocando una reazione domino. Con l’appoggio della Germania, l’Impero austro-ungarico dichiarò guerra alla Serbia, sostenuta dalla Russia. La Germania chiese allora alla Russia di rimanersene in disparte e alla Francia di impegnarsi alla neutralità. Ma visto che non ricevette alcuna risposta, alla fine dichiarò guerra ad entrambe e invase il Belgio (zona neutrale). Ciò provocò l’indignazione della Gran Bretagna, che quindi entrò nel conflitto a fianco della Francia e della Russia. L’Italia, ricordiamo, era alleata della Germania e dell’Austria, ma in un primo momento si dichiarò neutrale, mentre nel 1915 entrò in guerra a fianco dell’Intesa. A questo punto si schierarono due blocchi contrapposti: Francia, Gran Bretagna, Russia e Italia contro Germania e Austria. Successivamente si aggiunsero anche Giappone, Stati Uniti, Romania, Grecia e Cina dalla parte dell’Intesa, mentre con Germania e Austria si schierarono solo Impero Turco e Bulgaria. La Germania pensava di terminare il tutto velocemente con una guerra lampo, ma quello che doveva concludersi in pochi mesi durò fino al 1918: il conflitto piano piano si trasformò in una lunghissima guerra di posizione e logoramento e i paesi coinvolti dovettero sostenere uno sforzo umano, sociale ed economico immane. Un’intera generazione fu spazzata via e le donne, rimaste sole, furono costrette a rimboccarsi le maniche e a lavorare al posto degli uomini. Di questi terribili anni ricordiamo il 1917: si tratta di un anno decisivo, in quanto la Russia uscì dal conflitto a causa della rivoluzione bolscevica, ed entrarono gli Stati Uniti contro gli imperi centrali. L’entrata in guerra degli Stati Uniti capovolse tutti gli equilibri constringendo alla resa prima l’impero ottomano, poi l’impero austro-ungarico e infine la Germania.

PRIMA PROVA, TEMA STORICO SULLA PRIMA GUERRA MONDIALE: CONCLUSIONI

La prima guerra mondiale fu la prima parte di un periodo nero della storia del Novecento: come sappiamo, le tensioni non finirono ma sfociarono in un secondo terribile conflitto, di gran lunga peggiore del primo. Si trattò quindi di un primo capitolo che servì solo ad alimentare sempre di più il risentimento della Germania, rendendola così debole e facilmente manovrabile da un funesto personaggio che si affaccerà poi, di lì a breve, sulla scena del Novecento: Hitler. Stando ai fatti allora, oggi, dopo queste terribili esperienze, possiamo ammettere che la guerra non è la soluzione: è solo un’inutile crudele carneficina, un gioco ad eliminazione che alla fine premia il vincitore ma nasconde in sé conseguenze devastanti.

Se hai bisogno di un altro esempio clicca qui: Tema svolto sulla Prima guerra Mondiale

PRIMA GUERRA MONDIALE: RIASSUNTI E SCHEMI

Hai bisogno di approfondire la Prima Guerra Mondiale? Non hai capito alcuni passaggi? Ecco qui tutto il materiale che ti serve per studiare alla perfezione:

Maturità 2018: risorse utili

Se devi sostenere la maturità 2018, probabilmente ti serviranno questi link:

Se hai dubbi o vuoi confrontarti con gli altri maturandi iscriviti al gruppo Facebook Maturità 2017: #esamenontitemo