VERSIONE DI LATINO MATURITÀ 2017: GLI AUTORI PREFERITI DAL MIUR

Mancano pochi giorni alla seconda prova della Maturità 2017 e gli studenti del liceo classico si stanno preparando ad affrontare la temuta e inevitabile versione di latino. Ogni anno infatti, a meno che non ci siano soprese dell’ultimo minuto (sempre possibili), per il liceo classico valela regola non scritta dell’alternanza, per cui visto che l’anno scorso è uscita la versione di greco, quest’anno tutti si aspettavano la traccia di latino, e così è stato.
Detto questo però rimane un piccolo problema: è impossibile capire con certezza quale sarà l’autore della versione di latino prima del 22 giugno, data della seconda prova del liceo classico di quest’anno. La buona notizia, però, è che possiamo cercare di prepararci al meglio dando un'occhiata  agli autori scelti dal Miur negli anni precedenti e a quelli riproposti più volte. Quali sono gli autori latini più amati dal Miur? Vediamoli insieme.

Tieni d'occhio i nostri articoli con gli aggiornamenti live sulla prova:

versione latino autori Miur
 

AUTORE VERSIONE DI LATINO MATURITÀ 2017: I PIU' SCELTI DAL MIUR

Come abbiamo accennato in precedenza, non siamo ancora sicuri che il Miur scelga di inserire nella seconda prova un autore che ha già proposto più volte. Anzi, la preoccupazione che molti studenti copino la traduzione ha portato il Miur a scegliere testi e autori sempre più di nicchia e meno conosciuti. In ogni caso, per le leggi della probabilità, vediamo quali scelte ha compiuto il Ministero dell’Istruzione negli anni scorsi.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Cicerone

    È l’autore più amato dal Miur in assoluto, in quanto è stato proposto ben 20 volte, di cui 2 negli ultimi 15 anni (2002 e 2009). Cha a distanza di sette anni torni il preferito del Ministero?

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Seneca

    Anche Seneca è uno degli autori latini più apprezzati dal Miur che ha proposto una sua versione 15 volte. Dal 2001 a oggi, è stato scelto 3 volte (2003, 2007 e 2011). Potrebbe essere riproposto quest’anno.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Tacito

    Tacito è stato l’autore scelto due anni fa, quindi all’ultima maturità con versione di latino. Quella del 2015 è stata la quarta volta in cui il Miur si è affidato all’autore latino.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Quintiliano

    Tre volte è invece comparso Quintiliano sui banchi della seconda prova di liceo classico, di cui l’ultima volta nel 2013.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Petronio

    Petronio è stato scelto due volte dal Miur, ma manca una sua versione in seconda prova dal 1992. Che quest’anno avvenga il suo grande ritorno?

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Valleio Patercolo

    Anche Valleio Patercolo è stato scelto due volte, nel 1963 e nel 1964.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Plinio il Giovane

    Il Miur ha riposto la sua fiducia in Plinio il Giovane due volte, nel 1965 e nel 1985.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Apuleio

    Apuleio è stato scelto dal Miur una sola volta, nel 1965.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Claudio Marmetino

    Claudio Marmetino è stato scelto dal Miur una sola volta, nel 1966.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Aulo Gellio

    Aulo Gellio è stato scelto dal Miur una sola volta, nel 1971.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Macrobio

    Macrobio è stato scelto dal Miur una sola volta, nel 1994.

  • Versione di latino, seconda prova liceo classico maturità 2017: Vitruvio

    Vitruvio è stato scelto dal Miur una sola volta, nel 2000.

Per approfondire:

MATURITÀ 2017: COSA SAPERE

Consulta tutte le nostre risorse sulla Maturità 2017:

Iscriviti al gruppo Facebook: Maturità 2017: #esamenontitemo