Criteri Ammissione Maturità: il regolamento per le insufficienze

In questo periodo dell’anno scolastico il pensiero di tutti gli studenti va, inevitabilmente, agli esami di maturità 2019 che si terranno a giugno. Il primo quadrimestre è in corso, state affrontando compiti in classe, interrogazioni e a breve ci saranno anche i tanto attesi colloqui che, speriamo, andranno bene per tutti. Speriamo per voi, soprattutto, che abbiate poche insufficienze e, se ne avete qualcuna, vi rassicuriamo dicendovi che avete ancora tanto tempo per recuperarle, dovete solo impegnarvi e studiare con costanza. Detto ciò, dovete anche tenere in mente che essere ammessi all’esame non è scontato e che tutto dipende dai professori che, quando si riuniscono per gli scrutini alla fine delle lezioni, decideranno chi ammettere agli esami e chi dovrà ripetere l’anno. Oltre alle votazioni che riguardano le materie, sono altri i fattori che si prendono in considerazione, scopriamoli.

Non perderti il documento ufficiale di quest’anno:

Ammissione Maturità 2019 con Insufficienze: i criteri di valutazione

Per essere ammessi all’esame di maturità dovrete, da maturandi, soddisfare diversi criteri. L’ammissione non è scontata e saranno i vostri professori, alla fine delle lezioni e durante gli scrutini finali, a decidere del vostro futuro, stabilendo chi verrà ammesso e chi dovrà ripetere l’anno. Tornando ai criteri che il maturando deve rispettare, e che saranno oggetto di valutazione dei professori, ci sono, oltre ai voti nelle varie materie:

  • le assenze: se si risulta assenti da scuola per un periodo più lungo di un quarto dell’orario annuale, si mette a rischio l’ammissione agli esami;
  • il voto in condotta: non sottovalutate l’importanza del voto in condotta; se risulta essere inferiore a 6, si rischia la bocciatura.

Il voto in condotta ha la stessa importanza delle altre materie che i ragazzi si trovano a studiare durante l’anno scolastico; se non si raggiunge il 6, ovvero la sufficienza, c’è il rischio di non essere ammessi agli esami e quindi, l’alta probabilità di dover ripetere l’anno.

Leggi anche:

Voto Maturità 2019 e ammissione: cosa sapere

Prima dell’inizio degli esami scritti verrete convocati nelle vostre scuole e troverete appesi, sulle bacheche, i famosi quadri in cui potrete vedere con i vostri occhi chi è stato ammesso agli esami e chi invece dovrà ripetere l’anno scolastico. Ribadiamo che per essere ammessi agli esami dovrete avere la sufficienza in tutte le materie, nel voto in condotta e non dovrete aver superato un certo limite di assenze, pena la bocciatura. Siamo quasi a marzo quindi, se avete qualche insufficienza, affrettatevi a recuperarla e pensate al voto di Maturità che sarà calcolato secondo questi criteri:

  • credito scolastico: ovvero il punteggio accumulato negli ultimi 3 anni e che si sommerà ai voti delle prove;
  • i 5 punti bonus: ci sono dei casi in cui possono essere assegnati alla fine degli esami.

Non ci resta che farvi il nostro in bocca al lupo e vi raccomandiamo di continuare a studiare, non fare troppe assenze e tenere, sempre, una buona condotta.