Esami di maturità 2019: le simulazioni del Miur

Gli esami di maturità, da quest’anno, cambiano forma. Nonostante il Miur ci abbia messo a dura prova con le varie modifiche che ha apportato, noi siamo sempre sul pezzo, al passo con i tempi e informati su tutto quello che accadrà ai maturandi che, il prossimo giugno, si troveranno ad affrontare i nuovi esami di maturità, quelli da sempre tanto temuti ma che da quest’anno rappresenteranno per alcuni una prima volta nella prima volta agli esami di maturità. Lo scorso 18 gennaio sono state pubblicate le materie e i commissari, in attesa della simulazione del prossimo 19 febbraio, diamo un’occhiata ad alcuni esempi per la prima prova.

Leggi anche: Simulazione Prima Prova Maturità 2019: tracce e svolgimenti

Esami di maturità 2019: le simulazioni del Miur per la prima prova tipologia A

L’analisi del testo della prima prova maturità 2019 conterrà un brano in prosa o poesia corredato da una serie di domande che ne guideranno la comprensione, l’analisi e gli approfondimenti. Lo scorso anno la scelta del Miur è caduta su una prosa, per cui quest’anno ci aspettiamo un testo poetico. Dopo aver letto bene la traccia, suddividete il vostro lavoro in queste quattro sezioni:

  1. Introduzione
  2. Comprensione del testo
  3. Analisi del testo
  4. Interpretazione complessiva e approfondimenti (conclusione)

Il testo preso come esempio dal Miur per fare esercitare i futuri maturandi riguarda l’analisi e l’interpretazione di un testo tratto da “Giovanni Comisso, Mio sodalizio con De Pisis” in cui viene chiesto di sviluppare tre punti che sono la comprensione del testo, l’analisi e la relazione con il contesto storico e culturale.

Esami di maturità 2019: le simulazioni del Miur per la prima prova tipologia B

Il testo argomentativo conterrà un testo compiuto o un estratto abbastanza ampio da comprendere e interpretare. Bisognerà quindi individuare la tesi di fondo del brano rispondendo alle domande e successivamente proporre alcune riflessioni sulla tematica. Le tracce saranno tre e saranno più o meno vincolanti riguardo la forma e la lunghezza del commento. Lo schema per affrontarlo al meglio è il seguente:

  1. Introduzione: in questa prima parte avrete modo di introdurre l’argomento di cui andrete a parlare fornendo al lettore una chiave di lettura utile a fargli capire il vostro punto di vista;
  2. Tesi: dopo aver introdotto l’argomento di cui andrete a parlare, dovete esporre la vostra tesi, rendendola il più chiaro possibile, se necessario citando anche altri testi che confermino la vostra teoria, dovete convincere il lettore che la vostra tesi sia impeccabile;
  3. Antitesi e confutazione: dopo aver esposto la vostra tesi, dovrete presentare anche l’antitesi che, se fatta bene, darà ulteriore valore alla vostra tesi;
  4. Conclusione: in quest’ultima sezione dovrete tirare le somme della vostra argomentazione, e ricondurre tutti i vostri discorsi alla vostra tesi.

Il testo preso per fare esercitare gli studenti è tratto da: U. Eco, La musica e la macchina, in Apocalittici e integrati (1964), e viene chiesto ai ragazzi di fare un’analisi e poi il commento.

Esami di maturità 2019: le simulazioni del Miur per la prima prova tipologia C

Per concludere, passiamo in rassegna l’ultimo esercizio che il Miur ha messo a disposizione dei futuri maturandi una riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità su un pezzo tratto da D. MOTHÉ, L’utopia del tempo libero, Bollati Boringhieri, Torino 1998. Per svolgere correttamente una traccia di attualità occorre rispettare alcune semplici regole, che possiamo sintetizzare nei seguenti passaggi:

  1. Lettura della traccia: leggete attentamente la traccia e cercate di capire su cosa dovete incentrare il vostro tema.
  2. Scaletta: fate una scaletta di ciò volete scrivere, affrontando l’argomento attraverso diversi punti ma soprattutto in modo ordinato.
  3. Introduzione: introducete l’argomento in modo chiaro e conciso
  4. Svolgimento: è il corpo del testo, il tema vero e proprio. Trattate la tematica e se la traccia lo richiede inserire opinioni personali.
  5. Conclusione: concludete il testo con una bella frase che racchiuda tutto il contenuto del vostro tema.
  6. Revisione: ricontrollate il tema facendo attenzione agli errori ortografici, alla costruzione della frase, alla chiarezza e soprattutto all’attinenza alla traccia.

Potrebbero interessarti: Simulazione Prima Prova Maturità 2019: tracce e svolgimenti  Simulazione Seconda Prova Maturità 2019: tracce Miur