Esame Orale Maturità 2018: guida al ripasso

La Maturità 2018 è quasi giunta all’Esame orale, il colloquio con cui la Commissione di Maturità vi esaminerà su tutte le materie partendo dalla Tesina. A che punto siete con il ripasso? Vi manca ancora qualcosa? C’è ancora un po’ di tempo a disposizione, quindi non entrate nel panico totale… Ce la farete e ne uscirete vincitori! Basta semplicemente seguire i nostri consigli e vedrete che tutto andrà per il verso giusto!

Da non perdere: Maturità: consigli per l’esame orale

Come ripassare per l’orale di Maturità: la Tesina

La prima cosa da fare è imparare bene la Tesina: partirete dagli argomenti che avete scelto, quindi cercate di memorizzarli bene. Ovviamente preparate anche un piccolo discorso iniziale nel caso in cui i commissari vi dovessero chiedere il motivo della scelta e come avete lavorato. In secondo luogo, dovete fare attenzione alle domande che potrebbero saltar fuori durante il colloquio: se ad esempio avete portato il Fascismo, è possibile che al commissario venga in mente di chiedervi la seconda guerra mondiale o il Nazismo.

Leggi: Esame orale di Maturità: 5 cose che devi sapere

Orale Maturità 2018: come organizzare il ripasso

Imparata bene la Tesina, è il momento di pensare a tutto il resto. Il consiglio che vi diamo è quello di procedere per schemi: è inutile andare a riprendere il libro dall’inizio alla fine, il tempo stringe quindi da adesso in poi dovrete solamente avere in testa i concetti principali su cui poi costruire il discorso. Ad esempio, se state ripassando Pirandello, dovrete memorizzare i seguenti concetti chiave:

  • Umorismo
  • Vita, Maschera, Forma
  • La trappola
  • I romanzi: titoli e tematiche principali
  • Novelle, tematiche importanti
  • Teatro

Se vi concentrerete su ciò che è più importante, avrete in testa un quadro generale sintetico che vi permetterà di rispondere a qualsiasi domanda. Dovrete poi organizzarvi la giornata e districarvi tra le diverse materie su cui sarete esaminati. Iniziate da quelle in cui siete abbastanza indietro, così da non arrivare con l’acqua alla gola. Fatevi un programmino della giornata di studio, con orari, argomenti da ripassare e ovviamente pause (altrimenti rischiate di impazzire!). Infine, lasciate gli ultimi due giorni per il ripasso generale: partite sempre dalla tesina e proseguite con tutto il resto, ripercorrendo velocemente tutti i concetti chiave. Se vuoi approfondire leggi ulteriori consigli:

Scopri come fare una bella figura durante l’orale: