SECONDA PROVA SCIENTIFICO MATEMATICA 2018: COME RISPONDERE

Seconda prova: siete prontiLa Maturità 2018 incorona la matematica come prova regina, di nuovo! In ogni caso è bene ripassare entrambe le materie, così da essere preparati anche per le altre prove. Dunque, in questa guida vi daremo alcune dritte su come svolgere la traccia di matematica: continuate a leggere se volete saperne di più!

Leggi anche:

MATURITÀ 2018: SECONDA PROVA MATEMATICA

Siete carichi? Lo sappiamo, siete preoccupatissimi, riepiloghiamo brevemente le cose essenziali:

  • Durata: per i maturandi di liceo scientifico la seconda prova ha una durata di 6 ore (potete consegnare e uscire dopo 3 ore, ma meglio essere sicuri di aver fatto tutto e bene).
  • Voto: il punteggio massimo per la seconda prova è 15/15, così come gli altri scritti. Vi ricordiamo che la sufficienza si raggiunge con 10/15.
  • La prova di matematica è composta da 2 parti: la prima con i problemi e la seconda con i quesiti a cui rispondere; valgono ognuna massimo 75 punti: chi ottiene in totale 150 punti, quindi, otterrà i 15/15, mentre per avere la sufficienza bisognerà realizzare dai 75 agli 85 punti. Dopo aver valutato attentamente le tracce bisogna scegliere 5 quesiti e 1 problema da svolgere.
  • Cosa si può portare: i maturandi del liceo scientifico in seconda prova possono e/o devono portare: la Carta d’identità, le penne, la calcolatrice (a questo proposito ricordiamo che non deve essere programmabile) e snack e bevande per rifocillarsi.
  • Sono vietati: smartphone, cellulari e qualsiasi dispositivo con una connessione a internet (vanno consegnati all’ingresso della scuola), così come libri, fotocopie, dispense, appunti, schemi, riassunti e bigliettini.

SECONDA PROVA LICEO SCIENTIFICO MATURITÀ 2018

Non sapete da dove cominciare ma niente panico: concentratevi durante l’anno per ripassare piano piano il programma, insistendo poi sugli argomenti in cui siete meno ferrati. Intanto però, fate un bel respiro e parliamo di come sono strutturate le prove e soprattutto su come risolverle al meglio. Affrontare le tracce dei problemi e le domande della seconda prova di matematica non è semplice e anche i più bravi della classe potrebbero riscontrare qualche difficoltà. Perciò con questa guida speriamo di indirizzarvi al meglio per capire come rispondere correttamente alla prova. Vedremo prima come gestire i problemi, poi i quesiti.

TRACCIA SECONDA PROVA MATEMATICA MATURITÀ 2018: I PROBLEMI

Dedicheremo la prima parte di questa guida ai problemi, ostici per loro natura e spauracchio di molti maturandi. Cercheremo di indicarvi la via giusta per risolverli e per svolgerli al meglio! La prima parte della traccia della seconda prova di matematica è quella dedicata ai problemi: ognuno dei due è composto da un testo che introduce l’argomento e fornisce i dati su cui dovrete lavorare e ragionare. Il testo è seguito da 4 comandi (o esercizi) che ovviamente dovrete svolgere. A questo punto è necessario capire come svolgere i problemi della traccia di matematica di Seconda Prova Maturità 2018. Ecco come procedere:

  • Leggete con attenzione tutte e due le tracce proposte: potete scegliere e questo è molto importante per capire qual è quella a cui sapete rispondere! Una volta individuato il problema da risolvere, passate a risolvere i quesiti: sono più veloci da fare e potrete risparmiare tempo per poi dedicarvi al problema che avete scelto.
  • Una volta fatti i quesiti, risolvete il problema un punto alla volta, un passo alla volta. Il consiglio che diamo sempre è partite dai passaggi che risultano più facili. Se vi bloccate o non riuscite a rispondere, ragionateci su e scrivete nero su bianco il vostro ragionamento!
  • Raccomandiamo di ricontrollare sempre tutti i procedimenti e i calcoli, in quanto un solo errore può compromettere tutto il resto del problema. Vi ricordiamo di usare la calcolatrice e di fare il problema in brutta copia prima di passare la traccia in bella, così potrete scarabocchiare il foglio quanto volete! Ricopiare serve sempre: permetterà di ricontrollare procedimenti, passaggi e calcoli!

Attenzione: risolvere bene la maggior parte dei punti del problema è importante poiché la prima parte della prova vale 75 punti (che si andranno a sommare ai 75 disponibili per i quesiti), che vengono assegnati considerando 4 parametri:

  1. si valuta il livello di comprensione: quanto lo studente è riuscito a capire il problema e come ha saputo  identificare i dati e trasformarli in linguaggio matematico (punti da 0 a 18).
  2.  viene valutata la capacità di individuare la strategia più adatta per rispondere al problema (punti da 0 a 21).
  3. valuta la capacità di risolvere il problema, applicando le regole studiate (punti da 0 a 21).
  4. si valuta la capacità di commentare la propria strategia applicata (punti da 0 a 15).

La sufficienza si raggiunge acquisendo tra i 37 e i 42 punti.

SECONDA PROVA MATEMATICA MATURITÀ 2018: I QUESITI

Cerchiamo di capire quanti e quali sono i quesiti proposti, quanti sceglierne, come svolgerli e prepararsi per l’eventuale Seconda Prova di Matematica 2018 di Liceo Scientifico. Come già saprete, la seconda parte della prova di matematica è composta da 10 quesiti: si tratta in pratica di esercizi pratici da svolgere, sia con operazioni e svolgimento di funzioni, espressioni, equazioni ecc… sia fornendo una spiegazione scritta di cosa state facendo e del perché avete svolto determinati passaggi. Dovrete sceglierne solo 5 a cui rispondere. Vi ricordiamo che ogni quesito ha lo stesso valore, quindi scegliete quelli di cui siete certi basandovi solo sulle vostre conoscenze. Quindi, veniamo al dunque: come rispondere ai quesiti? Ecco come procedere:

  • Dal momento che potete scegliere, leggete attentamente tutte e dieci le tracce per capire quali sono quelle a cui sapete rispondere e una volta scelti i quesiti da risolvere, non badate più agli altri.
  • Primo consiglio: iniziate il compito risolvendo i quesiti prima di passare ai problemi poiché questi dovrebbero essere più veloci da risolvere e cercate di risolvere prima di tutto i quesiti che sembrano più facili e voloci, passando poi a quelli su cui bisogna ragionare un pò di più.
  • Ricontrollate sempre tutti i procedimenti e i calcoli: un solo errore può compromettere il risultato della prova.

I cinque quesiti scelti valgono rispettivamente 15 punti, per un totale di 75 punti. Bisognerà dimostrare di possedere i seguenti requisiti:

  1. Abilità di comprensione e conoscenza matematica (punti da 0 a 6).
  2. Abilità logiche e risolutive, ma anche l’uso di un  linguaggio appropriato (punti da 0 a 6).
  3. Abilità di svolgere correttamente il quesito, correttezza nei calcoli e dell’applicazione di tecniche e procedure anche grafiche (punti da 0 a 5).
  4. Capacità di argomentazione e di giustificare la scelta della strategia applicata (punti da 0 a 4).

Sei un maturando disperato e hai bisogno di supporto e informazioni sulla Maturità 2018? Tranquillo, ci siamo noi! Iscriviti al gruppo Facebook Maturità 2018: #esamenontitemo