Seconda Prova Liceo Classico 2019: simulazione

Dopo decenni e decenni di versioni di latino e greco alternate la seconda prova del liceo classico si presenterà alla Maturità 2019 in una veste completamente rinnovata. Quest’anno infatti ci sarà la traccia mista, vale a dire che il compito sarà incentrato sia su latino sia su greco. Un duro colpo per i maturandi che si aspettavano semplicemente una versione di latino e che invece si ritroveranno ben due materie complicate da affrontare. Niente paura: il Ministero ha deciso di aiutare i ragazzi e ha fissato due simulazioni nazionali: la prima si è svolta il 28 febbraio, la seconda si è svolta oggi 2 aprile. In questo modo gli studenti possono capire come affrontare al meglio la prova ufficiale e rendersi conto di eventuali problemi che potranno essere risolti nelle prossime settimane. La traccia della simulazione di oggi riguarda un brano tratto dal De ira di Seneca da tradurre e confrontare con un testo tratto dai Moralia di Plutarco. Trovi qui la traccia completa: Simulazione seconda prova liceo classico: traccia MIUR.

Scopri tutte le simulazioni del MIUR:

Simulazione seconda prova liceo classico 2019: traccia

La traccia della simulazione della seconda prova per il liceo classico del 2 aprile è divisa in due parti. Nella prima parte c’è una versione di latino da tradurre tratta dal De ira di Seneca, anticipata da un’introduzione sull’opera da cui è tratto il brano e un pre-testo in italiano che ne anticipa la tematica. La versione sarà poi seguita da un post-testo in italiano riguardante il brano in questione. Nella seconda parte c’è un brano in greco tratto dai Moralia (De cohibenda ira) di Plutarco, con accanto la traduzione in italiano da confrontare con il brano in latino. Il testo in greco verte infatti su una tematica affine a quella del brano in latino. Nella terza parte ci sono tre domande a risposta aperta che riguardano la comprensione, l’analisi, l’interpretazione e riflessioni sulla tematica affrontata dai due testi. Durante la simulazione ci sono sei ore di tempo e si può utilizzare il vocabolario di italiano, greco e latino.

Per approfondire:

Simulazione seconda prova 2019 classico: soluzioni e consigli

Le nuove tracce sono state rese disponibili da oggi, quindi i vostri prof possono decidere se farvi fare la simulazione direttamente oggi oppure usare gli esempi per un’esercitazione successiva. In ogni caso, ricordate di tenere a mente le regole di traduzione: costruite bene i periodi, occhio ai tempi verbali, attenzione ai casi e alla consecutio temporum. Inoltre, prestate attenzione alla comprensione dei due testi proposti, cercando di argomentare bene le risposte ai quesiti. Per essere più sicuri sullo svolgimento, una volta che avete finito controllate la traduzione e segnate gli errori; fate lo stesso per i quesiti, in modo da capire dove avete sbagliato e come colmare eventuali lacune.

Leggi anche: