PRIMA PROVA DI MATURITÀ 

Clicca qui per scoprire tutto sulle tracce del 2018:

SVOLGIMENTO TRACCE PRIMA PROVA 2017: 3 CONSIGLI DAL MIUR

La prima prova della Maturità 2017 è praticamente arrivata: mancano 12 giorni e i maturandi sono alle prese con il ripasso generale e l’allenamento in vista delle tracce del primo scritto di Maturità. L’incognita riguardo all’autore che verrà scelto per l’analisi del testo starà di certo mandando fuori di testa i ragazzi, così come anche il dubbio sugli argomenti da trattare nel saggio breve o nell’articolo di giornale. E che dire poi del tema storico? Chissà su quale evento del Novecento bisognerà scrivere! E poi c’è il tema di attualità, l’ancora di salvezza per chi ha poca dimestichezza con le tipologie A e B, anche se non è detto che l’argomento da sviluppare sarà poi tanto semplice. In ogni caso, il giorno della prova dovrete essere super attenti e scegliere bene, sviluppare il testo in modo corretto e ricontrollare tutto nei minimi dettagli. E, a proposito di consigli, il Miur ha da poco pubblicato un video con i preziosissimi consigli del professor Luca Serianni, docente di Storia della lingua italiana della Sapienza di Roma: continuate a leggere e scoprite come affrontare al meglio lo svolgimento delle Tracce di Prima Prova!

Tieni sotto controllo questo articolo: Tracce Svolte Prima Prova Maturità 2017

Svolgimento Tracce Prima Prova 2017: 3 consigli dal Miur

TRACCE PRIMA PROVA MATURITÀ 2017: I CONSIGLI DEL MIUR

A colpi di hashtag il Miur accompagna i maturandi verso lo svolgimento delle prove dell’Esame di Stato. #nopanic è infatti la campagna ufficiale di quest’anno, e in questo periodo le attenzioni sono tutte concentrate sulla prima prova, che si svolgerà in tutta Italia il 21 giugno alle ore 8.30. Il Ministero ha pensato bene di passare la parola al professor Serianni, il quale ha fornito indicazioni ben precise su come scegliere le tracce e come svolgere la prova senza problemi. I consigli sono 3, importantissimi e da seguire assolutamente:

  • “Dedicate i primi cinque minuti alla riflessione sulla traccia da scegliere e almeno quindici minuti a scrivere una scaletta, vincendo la tentazione di riempire comunque la pagina bianca davanti a voi. Così come molto importante è la rilettura finale”: prima di scegliere la traccia quindi pensateci bene e, una volta presa una decisione, fate una scaletta, in modo da costruire un discorso coerente e ordinato.
  • “È ovvio che non ci devono essere errori di italiano, ma, soprattutto in un esame, possono venire dei dubbi. Se vi viene un dubbio guardate il vocabolario”: il secondo importantissimo consiglio è di controllare bene la forma, dunque occhio agli errori di ortografia. Affidatevi al vocabolario per qualsiasi dubbio!
  • “Leggere abitualmente ogni giorno un editoriale dei grandi quotidiani. I grandi editorialisti sono dei modelli eccellenti di scrittura”: per scrivere bene occorre avere bene in mente degli ottimi modelli, quindi leggere è fondamentale!

Quale sarà l’autore scelto per l’analisi del testo? Quali saranno gli argomenti di attualità o gli anniversari che ispireranno le tracce di prima prova? Seguite tutte le nostre previsioni qui:

PRIMA PROVA MATURITÀ 2017: LE NOSTRE DRITTE

Bene, seguite quindi a menadito le indicazioni del professor Serianni, state tranquilli ed esercitatevi più che potete in questi ultimi giorni. Avete dubbi sulle tracce e non ricordate bene com’è strutturata la prima prova? Ecco un breve recap con tutte le info per ogni tipologia:

Se hai bisogno di altri consigli iscriviti al gruppo Facebook Maturità 2017: #esamenontitemo