Prima Prova 2018: come svolgere le tracce

In attesa dell’inizio degli esami di maturità, oggi vogliamo parlarvi della prima prova, in particolare vogliamo darvi qualche utile dritta su come svolgere le tracce delle quattro tipologie di prove che potrebbero capitarvi all’esame. Come saprete, ci sono quattro tipologie di prove:

Non sarete in grado di dirci, da ora, quale sceglierete, tutto dipenderà dagli argomenti trattati; ma nel frattempo non vi costa nulla leggere i nostri consigli su come affrontarle tutte, arriverete sicuramente più preparati; iniziamo subito.

Leggi anche: Simulazione Prima Prova Maturità 2018 e  Maturità 2018: possibili tracce Miur svolte

 

Tracce prima prova maturità 2018: come svolgere la tipologia A

Ai candidati verrà proposto un brano in prosa o in versi da analizzare rispondendo ad alcune domande allegate al testo. L’analisi del testo della prima prova maturità 2018 conterrà un brano in prosa o poesia corredato da una serie di domande che ne guideranno la comprensione, l’analisi e gli approfondimenti. Dopo aver letto attentamente la traccia, procedete seguendo questo schema:

  • Introduzione
  • Comprensione del testo
  • Analisi del testo
  • Interpretazione complessiva e approfondimenti (conclusione)

Vuoi una guida più generica? Leggi: Analisi del testo: come si fa

Prima prova maturità 2018: come svolgere la traccia tipologia B

In forma di saggio breve o articolo di giornale, gli studenti dovranno sviluppare un argomento utilizzando i documenti e i dati forniti, scegliendo tra 4 ambiti proposti: artistico-letterario, socio-economico, storico-politico, tecnico-scientifico. Abbiamo a disposizione 6 ore di tempo per svolgere la traccia, dunque, con calma, possiamo leggere i documenti proposti dal Miur. Leggiamoli tutti, sottolineiamo le parti che ci interessano, rileggiamoli anche altre due o tre volte, così da memorizzarli e soprattutto collegarli all’argomento su cui verterà il nostro saggio breve.

Lo svolgimento deve avere la seguente struttura:

  1. Titolo: lo metteremo alla fine, quando abbiamo finito di scrivere
  2. Introduzione sull’argomento da trattare nel saggio breve
  3. Corpo del testo: inseriremo le nostre argomentazioni, cercando di sostenere la nostra tesi in modo convincente
  4. Citazioni: nel corpo del testo vanno citati 2 o più documenti, insieme ai relativi autori, a sostegno della nostra tesi. Possiamo inoltre citare altri testi oppure film, opere d’arte o qualsiasi altra cosa che possa rafforzare la nostra tesi.
  5. Conclusioni

Vieni a scoprire: Prima Prova Maturità 2018: lista saggi brevi più probabili

Tracce prima prova maturità 2018: come svolgere la tipologia C

Gli studenti dovranno analizzare e commentare un determinato evento storico, seguendo tutti i punti presenti nella traccia. Ecco tutti i nostri suggerimenti per svolgere al meglio questa tipologia:

  • Assicurati di “dimostrare” ciò che narri
  • Discuti criticamente i documenti a disposizione.
  • Non dimenticare il contesto
  • Tieni presente il periodo storico
  • Pianifica la struttura temporale
  • Fai attenzione ai tempi verbali
  • Evita la prima persona

Scopri quali sono gli anniversari su cui potrebbero vertere le tracce della prima prova: Tototema prima prova Maturità 2018: gli anniversari

Prima prova maturità 2018: come svolgere la traccia tipologia D

Lo studente dovrà argomentare una tematica di argomento generale o di attualità, analizzandola da un punto di vista critico secondo quanto viene richiesto dalla traccia. Una volta che hai capito cosa devi scrivere, imposta il lavoro preparando un piccolo schema, cioè una scaletta in cui ordinerai le idee, ricordando sempre di rispettare una determinata struttura:

  • Introduzione: devi presentare l’argomento senza dare nulla per scontato, in modo che il lettore capisca cosa argomenterai
  • Corpo centrale del testo: si tratta dello svolgimento vero e proprio, in cui argomenterai la traccia, esporrai il tuo pensiero, commenterai un’eventuale citazione, farai alcuni esempi. La scaletta serve proprio a questo, a ordinare le idee da inserire nel corpo centrale, in modo che alla fine l’elaborato risulti ordinato e comprensibile.
  • Conclusione: concludi brevemente tutto il discorso, esponendo anche le tue considerazioni personali.

Scopri di più su come scrivere il tema di attualità dell’esame di stato: Prima Prova Maturità: come fare un tema di attualità.