Maturità 2018: il voto è pubblico?

Tutti passeremo, prima o poi, dagli esami di maturità e la questione che sembra interessare meno alcuni studenti è il voto. Forse perché pensate di poterlo tenere nascosto a lungo? Pensate che i vostri parenti non ne verranno mai a conoscenza? Pensate di poter mentire, dandovi un punteggio più alto anche se, in realtà, avete raggiunto solo la sufficienza? Vi abbiamo spaventato con tutte queste domande, ma non temete a breve vi diremo se il voto del diploma è pubblico a tutti oppure se potrete tenerlo per voi… siete pronti?

Risultato Maturità 2018: il voto è pubblico

Come sapete, il voto finale che comparirà al termine degli esami è il risultato della somma dei punteggi delle prove sostenute a cui si aggiungono i crediti formativi ed, eventualmente e se li avete meritati, i cinque punti di bonus. Il voto è pubblico, sarà visibile a tutti, il consiglio che vi diamo è quello di prestare particolare attenzione a come andrete a svolgere le vostre prove perché, per quanto le persone non si valutino in base a dei numeri, il voto del diploma è importante per accedere all’università e anche per trovare lavoro. Gli studenti che, accanto al loro nome, vedranno la dicitura esito negativo sono stati bocciati e quindi costretti a ripetere l’anno. La nostra intenzione, oggi, non era certo quella di abbattervi semplicemente spronarvi a fare di più e sempre meglio, agli esami oggi e nella vita domani. Per finire, scopriamo insieme come si calcola il voto finale?

Voto Maturità 2018: come si calcola

Per darvi un’idea di come si calcoli il voto finale, riportiamo un esempio dettagliato, munitevi di carta, penna e calcolatrice. Supponiamo di aver conseguito:

III anno: 5 punti

IV anno: 6 punti

Orientativamente, possiamo pensare di raggiungere un minimo di 6 punti alla fine del V anno. Quindi:

5 + 6 + 6 = 17

Per prevedere il punteggio delle singole prove, dobbiamo tenere in considerazione quanto abbiamo preso in media durante le esercitazioni e quanto siamo bravi nelle singole prove. Dopo aver ragionato bene, possiamo quindi supporre di raggiungere i seguenti punteggi minimi:

Prima prova: 12 punti

Seconda prova: 13 punti

Terza prova: 11 punti

Colloquio orale: 25 punti

Dunque:

12 + 13 + 11 + 25 = 61

Sappiamo quindi che non potremo ricevere, in questo caso, i punti di bonus, però orientativamente il nostro voto di Maturità sarà pari a:

17 (crediti scolastici) + 61 (punteggio complessivo prove) = 78.

Leggete anche: