LICEO CLASSICO MATURITÀ 2017: LE VERSIONI DI LATINO DEGLI ANNI PRECEDENTI

 La Maturità 2017 si avvicina sempre di più e gli studenti che affronteranno la seconda prova del liceo classico e si stanno domandando quale sarà la versione di latino scelta e soprattutto chi sarà l'autore. Non possiamo ancora saperlo con certezza (non abbiamo una sfera di cristallo!), per cui la cosa migliore da fare è allenarsi il più possibile con versioni di latino tratte da varie opere classiche, in modo da svolgere una seconda prova perfetta. Ricorda che l’esercizio è la chiave principale per svolgere al meglio la versione che dovrai affrontare il 22 giugno (ecco tutte le date della Maturità 2017): di seguito, trovi le prove degli anni passati per prepararti.

Leggi anche la nostra guida completa: Versione di latino Maturità 2017: guida completa

prove latino anni precedenti

SECONDA PROVA MATURITÀ 2017: LE VERSIONI DI LATINO DEGLI ANNI PRECEDENTI

Prendendo in considerazione le seconde prove di latino dal 2000 a oggi, vediamo che il Miur ha scelto per ben 3 volte Seneca (2003, 2007 e 2011) e 2 volte Cicerone (2002 e 2009). Nel 2000 è stato il turno di Vitruvio e nel 2013 di Quintiliano. A distanza di 10 anni l'uno dall'altra, poi, gli studenti di liceo classico hanno trovato una versione di Tacito (2005 e 2015). Quale sarà l’autore scelto quest’anno? Tornerà Cicerone o Seneca, i preferiti dal Miur? O magari un autore come Vitruvio? Nel frattempo, inizia a esercitarti!

Di seguito le versioni di latino che gli studenti delle recenti maturità di liceo classico hanno dovuto tradurre durante la seconda prova.

MATURITÀ 2017: COSA SAPERE

Consulta tutte le nostre risorse sulla Maturità 2017:

Iscriviti al gruppo Facebook: Maturità 2017: #esamenontitemo