SECONDA PROVA LICEO CLASSICO MATURITÀ 2019: LA VERSIONE DI LATINO

Come saprai, la maturità classica è cambiata e per la Maturità 2019 gli studenti si ritroveranno un compito diviso in due parti: nella prima parte ci sarà un brano in prosa da tradurre intervallato da testi in italiano, nella seconda parte invece ci saranno alcune domande a cui rispondere. La traccia può essere integrata, nel senso che è possibile che vengano esaminate entrambe le discipline, latino e greco. Ovviamente, ancora è presto per sapere cosa deciderà il Miur, ma visto che l’anno scorso i ragazzi si sono cimentati in una versione di greco, probabilmente nella prima parte ci sarà una versione di latino: in ogni caso ne avrai la conferma con l’annuncio delle materie di Seconda Prova alla fine di gennaio. Devi però iniziare a darti da fare, in quanto è importante che tu arrivi preparato agli esami: ecco allora una guida che ti può essere utile per affrontare la traduzione della traccia di latino della prima parte della seconda prova. Troverai indicazioni su testo, autori, dritte per la traduzione, indicazioni sui quesiti e versioni degli anni precedenti. Ricorda inoltre di tenere sotto controllo questo articolo, in quanto lo aggiorneremo con tutte le news in diretta sulla traccia ufficiale della versione.

Tieni sempre d’cchio i nostri articoli aggiornati con le ultime news e i live in diretta della prova:

Clicca qui per scoprire tutte le info utili per affrontare al meglio la Versione di Latino prevista per la Seconda Prova di Maturità 2019 del Liceo Classico:

versione latino guida

TRACCIA VERSIONE DI LATINO MATURITÀ 2019

Il 20 giugno, data della seconda prova della maturità 2019, i maturandi del Liceo classico probabilmente dovranno cimentarsi nella traduzione in italiano di un brano scritto in latino nella prima parte del compito, mentre nella seconda parte dovranno rispondere ad alcuni quesiti di comprensione. Il testo della prima parte sarà introdotto da un titolo, da brevi informazioni riguardanti il brano e sarà corredato da brevi spezzoni in italiano che rendano più chiara la comprensione. Il brano vero e proprio da tradurre sarà composto da 10-12 righe, e l’autore lo conoscerai solo il giorno della prova. Per svolgere tutto il compito avrai a disposizione 6 ore di tempo (non puoi comunque consegnare e lasciare l’aula prima che 3 ore siano passate) e potrai avvalerti soltanto dell’aiuto del dizionario di latino. Il punteggio massimo che potrai ottenere è 20, con la sufficienza posta a 12.

QUESITI SECONDA PROVA LATINO 2019

Come dicevamo, la seconda parte del compito sarà costituita da tre quesiti a risposta aperta. Le domande riguarderanno la comprensione e l’interpretazione del brano, l’analisi stilistica, linguistica e retorica, l’approfondimento e la riflessione. Le risposte non dovranno superare le 12 righe. Nel caso in cui il MIUR decida di testare gli allievi in entrambe le discipline, nella seconda parte ci sarà un brano nella lingua non esaminata nella prima parte con testo italiano a fronte. Le domande riguarderanno entrambi i testi.

AUTORE VERSIONE DI LATINO MATURITÀ 2019

Quale autore uscirà in seconda prova quest’anno per quanto riguarda la versione? È la domanda a cui tutti i maturandi vorrebbero saper rispondere, ma purtroppo fino al 20 giugno nessuno conoscerà la risposta. Possiamo però fare delle ipotesi, guardando alle scelte passate del Miur: gli autori latini preferiti in assoluto dal Ministero sono Cicerone e Seneca, che negli ultimi 20 anni sono usciti parecchie volte. Tuttavia, Seneca è uscito nel 2017, quindi lo possiamo escludere almeno per quest’anno.
Da escludere probabilmente anche Tacito, autore scelto per la maturità 2015, ma è anche vero che niente impedisce al Miur di riproporre gli stessi autori. Dal 2000 a oggi, abbiamo poi trovato una sola volta Vitruvio (2000) e Quintiliano (2013). Che il Miur vada a rispolverare invece autori che mancano da tempo come Gellio o Plinio il Giovane? Ecco qui la lista completa degli autori preferiti dal Miur:

TRADUZIONE VERSIONE DI LATINO SECONDA PROVA MATURITÀ 2019

Il 20 giugno nella prima parte del compito forse ti troverai davanti la fatidica versione di latino e scoprirai quale autore e quale brano dovrai tradurre. Prima regola è ovviamente quella di stare calmo, non farti prendere dal panico e concentrarti: se hai studiato la grammatica latina nel corso dei cinque anni e ti sei preparato con simulazioni e tracce degli anni precedenti, sei in grado fare una buona versione. Detto questo: come precedere per non sbagliare? Ecco di seguito alcuni consigli che possiamo darti per la traduzione.

In generale:

  • Usa il vocabolario: lo puoi utilizzare, è a tua disposizione quindi non scordarlo a casa e in caso di minimo dubbio, non sii pigro e controlla il significato delle parole.
  • Non ti fermare al primo significato della parola che trovi, ma cerca di capire quello più adatto al contesto.
  • Ricorda che la traduzione di tutte le parole non serve comunque se non si analizzano grammaticalmente le proposizioni.
  • In ogni caso, la logica aiuta: l’ottimo sarebbe ovviamente se tu conoscessi il brano o l’evento di cui si parla, ma nella costruzione delle frasi chiediti sempre se il modo in cui stai traducendo ha un senso logico.
  • Nello specifico, ecco come procedere con la traduzione della versione di latino:
  • Per prima cosa leggi il brano due e tre volte per farti un’idea generale e sottolinea le singole proposizioni per iniziare a capire la struttura del testo e la divisione in periodi (principali, subordinate, discorso indiretto/diretto etc).
  • Individua il verbo della proposizione principale in ogni periodo e poi quelli delle varie eventuali subordinate o correlate. Individuare il verbo ci permette di capire tempo, forma e soprattutto la persona, potendo quindi risalire al soggetto (al nominativo).
  • Cerca nella proposizione eventuali altri termini al nominativo per capire se c’è un attributo o un’apposizione o altro che concorda con il soggetto.
  • A questo punto, torna al verbo e cerca il complemento oggetto (ed eventuali attributi) se è un verbo transitivo, un complemento indiretto se il verbo è intransitivo o uno di agente in caso di forma passiva.
  • Una volta tradotta la proposizione principale, passa a tradurre le altre proposizioni che contengono il periodo.

VERSIONE DI LATINO: TRACCE DEGLI ANNI PRECEDENTI

Per arrivare pronto alla seconda prova di liceo classico, c’è bisogno di tanto allenamento soprattutto nella traduzione. E cosa ci può essere di meglio che esercitarsi con le versioni di latino delle precedenti maturità, che simulano fedelmente la prova che dovrai affrontare? Bene, se vuoi iniziare subito, ecco il link a cui potrai trovare tutte le versioni di latino uscite alla Maturità dal 2000 a oggi: Le versioni della Maturità degli scorsi anni

Trovi anche altre versioni e risorse di autore latini su:

Iscriviti al gruppo Facebook: Maturità 2019: #esamenontitemo