Apocalittici e Integrati di Eco: Riassunto Maturità 2017

La Seconda Prova di Maturità 2017 è passata ormai e la traccia di Scienze Umane ha riguardato Umberto Eco (autore tra l'altro della Prima Prova della Maturità 2016). Com'è andata? Volete controllare il contenuto di Apocalittici e Integrati, oggetto della seconda prova di Maturità?

Il testo di Umberto Eco è organizzato come una raccolta di saggi diversi che ruotano intorno ad uno specifico argomento:

  1. Cultura di massa e "livelli" di cultura: si tratta del tema della cultura di massa. La tesi è che, dal momento che la società industriale prevede dei mezzi di comunicazione di massa, piuttosto che criticarli bisognerebbe domandarsi quali azioni sono possibili per far sì che possano veicolare valori culturali.
  2. La struttura del cattivo gusto è una riflessione sulla definizione del cattivo gusto: l'idea di base è che il cattivo gusto compaia qualora venga messa in atto da parte dell'artista una "prefabbricazione e imposizione dell'effetto" che l'opera ha l'intento di suscitare nello spettatore.
  3. Lettura di "Steve Canyon", critica al mito di Superman e al mondo di Charlie Brown riflettono sul fumetto come esempio di letteratura di massa.
  4. L'uso pratico del personaggio espone le caratteristiche del personaggio della letteratura popolare e del ricorso ad elementi convenzionali.
  5. La canzone di consumo.
  6. La musica, la radio e la televisione e il successivo Appuntamenti sulla televisione sono infine una riflessione sulla televisione italiana.

Una sezione intitolata Apocalittici integrati raccoglie infine una serie di brevi articoli sul tema.

Leggi anche:

Apocalittici e Integrati di Eco: Riassunto Maturità 2017

Lo scopo come abbiamo visto è di spiegare attraverso tesi e antitesi i problemi e i vantaggi della cultura di massa. Voi come la pensate? Quali sono secondo voi gli aspetti negativi che Eco non aveva preso in considerazione? Quale aspetto della cultura di massa vi turba di più?

Maturità 2017: le nostre risorse

Per questa maturità 2017, non perderti anche: