Esame orale Maturità: i consigli per prendere 30

L’ultima prova, quella orale, è indubbiamente quella più carica di ansia in quanto sapete che inizierete ad esporre partendo dalla vostra tesina prima, e poi vi verranno fatte delle domande, davanti ad una commissione d’esame che sarà lì pronta a giudicare il vostro elaborato e la vostra preparazione. Il voto finale di maturità è la somma dei punteggi acquisiti nelle varie prove, ma come si fa a prendere 30 all’orale?

Non perderti:

Come prendere 30 alla maturità

Maturità 2018 prova orale: come prendere 30

Il punteggio di 30 è il massimo a cui potete aspirare, mentre 20 è il punteggio minimo, quindi appena sufficiente. Alla prova orale vi giocate il tutto per tutto perché, se avete preso dei punteggi non altissimi alle prove scritte, avete la possibilità di rifarvi. Il vostro tallone d’Achille sarà la vostra tesina, il vostro elaborato che rappresenterà, quel giorno, il vostro biglietto da visita. Dovete dimostrare di essere consapevoli di quello che state dicendo, trasmettere a chi vi ascolta la vostra sicurezza e il vostro sapere, parlate ad alta voce cercando di guardare fisso negli occhi i vostri interlocutori e non fermatevi finché non vi interrompono i commissari.

Scopri come calcolare il voto complessivo:

Esame orale Maturità 2018: come iniziare il colloquio

Le prove che dovrete affrontare metteranno a dura prova la vostra preparazione e il vostro sangue freddo. Le prove scritte hanno un impatto diverso in quanto sapete di avere del tempo e che dovrete utilizzarlo per scrivere tutto ciò che sapete riguardo l’argomento che vi verrà presentato. La prova orale, inevitabilmente, vi crea più ansia perché vi troverete di fronte una commissione fatta dai vostri stessi professori che vi hanno seguito durante l’anno e che vi conoscono, e tre commissari esterni. Il vantaggio che avete è quello di poter iniziare dalla vostra tesina, ovvero il vostro elaborato con cui potrete cominciare il vostro colloquio. Mi raccomando, esponete con calma, siate chiari e dimostrate di essere preparati.

Non perderti i nostri consigli: